• yastaradio festa
  • regeni amnesty
  • lo nuovo che  avanza POSTER
  • Clicca sull'immagine per ulteriori informazioni
  • Clicca sul banner per raggiungere la pagina di riferimento sul sito di Amnesty Italia

Leggi

Le recensioni create dallo staff
o caricate dagli utenti
chat

Scrivi

Il tuo blog.
Rendilo pubblico o limitato ai soli utenti registrati
chat

Comunica

Attraverso la chat.
Entra nel sito per visualizzarla.

 Proponi

Una recensione, un live report,
una tua trasmissione
Scritto da: MAT2020

Questo utente ha pubblicato 832 articoli.

Hello,

moriva a Milano il 18 maggio 1988 Enzo Tortora, vittima dell'ottusità della giustizia e della stampa.
Una delle pagine più vergognose delle Repubblica Italiana, di cui ci dobbiamo vergognare tutti!
...per non dimenticare
Wazza
 
 

 

Un arresto mediatico, finito su tutte le prime pagine dei giornali, su tutti i telegiornali, un tam tam di notizie che accusavano il più famoso presentatore della tv italiana di associazione a delinquere di stampa camorristico. Perchè con questo capo d’accusa, emesso dalla procura di Napoli in quel 17 giugno Enzo Tortora finiva in carcere.
Un’innocenza urlata a gran voce, da lui, dalla sua famiglia, da chi lo conosceva. Una colpevolezza sbandierata, dalla magistratura, in base alle dichiarazioni di una serie di pentiti, e dalla stampa che sottopone il presentatore di Portobello ad una vera e propria gogna mediatica. Il ragionevole dubbio non esiste, Enzo Tortora è colpevole, il sarcasmo si spreca, non viene data nessuna alternativa.
Oggi il nome di Enzo Tortora è stato riabilitato, anche grazie ad un’assoluzione con formula piena avvenuta il 15 settembre 1986. Ma il suo è stato un vero e proprio calvario l’assoluzione: del 1986 era stata preceduta da una condanna a 10 anni il 17 settembre 1985, sulla base delle accuse dei pentiti. Quel giorno la stampa gioisce, esulta.

 

Enzo Tortora è oggi un simbolo, il suo nome incarna la malagiustizia. Quando era ancora in vita si è reso strumento e mezzo per la difesa e la tutela, per lo smascheramento del non giusto. Oggi lo vogliamo ricordare sorridente e combattivo e per non dimenticare e non dimenticarlo Ambrogio Crespi sta curando la realizzazione di un docufilm, prodotto da Spin Network, che attraverso molte voci, da quella di Francesca Scopelliti (ex compagna di Tortora e senatrice) a Vittorio Pezzuto, autore del libro“”Applausi e Sputi”, del giornalista Vittorio Feltri, di Andrea Falcetta, legale della famiglia Tortora, Mauro Mellini, ex parlamentare del Partito Radicale, del magistrato Corrado Carnevale e di Raffaele Della Valle, ex legale difensore di Enzo Tortora e tante ancora, vuole rendere omaggio alla memoria di un uomo che è un vero e proprio simbolo.

 

 

L`errore giudiziario Tortora... UN UOMO INNOCENTE...
-Muore a Milano, il 18 maggio del 1988 Enzo Tortora-
Il 17 giugno 1983, in seguito a dichiarazioni rilasciate da alcuni collaboratori di giustizia, Tortora viene arrestato con l’accusa di associazione per delinquere di stampo camorristico. Condannato in primo grado, viene definitivamente assolto in Cassazione nel 1987. Il 20 febbraio dello stesso anno ritorna in televisione con il suo Portobello.
Le parole della figlia minore, Gaia: "Vedevo un mostro alla TV che mi dicevano essere il mio papà, ma non era mio padre".

Parla il magistrato Diego Marmo, che accusò Enzo Tortora: "Sbagliai, mi scuso".
Fu lui, insieme ad altri suoi colleghi, nel maxiprocesso alla NCO (Nuova Camorra Organizzata) di Raffaele Cutolo ad imputare a Tortora di essere colluso con la camorra. "Il suo cliente è diventato deputato con i voti della camorra”, urla Marmo durante l’udienza del 26 aprile 1985, in seguito all’elezione del conduttore al Parlamento Europeo.