• Il Cimitero delle Bambole Copia

Leggi

Le recensioni create dallo staff
o caricate dagli utenti
chat

Scrivi

Il tuo blog.
Rendilo pubblico o limitato ai soli utenti registrati
chat

Comunica

Attraverso la chat.
Entra nel sito per visualizzarla.

 Proponi

Una recensione, un live report,
una tua trasmissione
Scritto da: kathmandu

Questo utente ha pubblicato 2 articoli.

 

MANGORO (Distretto di Morrumbene)

15 Gennaio 2018

 

La donna appoggia il bidone verde sul pianale di cemento, preme gentilmente il pistoncino del rubinetto e subito l’acqua inizia a sgorgare con tutta la sua irruenza. Un flusso d’acqua fresca, sana, che sa di vita, salute, di ricchezza per un bene di prima necessità che torna ad innaffiare la vita di questa piccola comunità nel mato mozambicano.

 

cire1

 

Siamo a Mangoro, sperduta località a più di 90 km dal capoluogo del distretto di Morrumbene, nella provincia di Inhambane. La strada per arrivarci è puramente sterrata, sabbia, polvere e buche sono le costanti del nostro viaggio. Il rischio di insabbiarsi si ripresenta ad ogni curva, cosi come quello di danneggiare la macchina prendendo un buca con troppa velocità. L’unica maniera per essere certi di arrivare è quella di portare con sé un abitante del posto come guida. Troppi infatti i bivi e le deviazioni durante il tragitto e tutti troppo uguali, con lo stesso ambiente circostante, senza alcun punto di riferimento. Ad ogni incrocio il rischio di imboccare la strada sbagliata e perdersi nell’immensità di questa natura selvaggia.

 

cire2

 

Quando, dopo oltre 2 ore, arriviamo, tutta la comunità con i suoi rappresentanti ed i suoi líder è radunata all’ombra di un grande albero in attesa delle “autorità” che inaugureranno la nuova fonte de água. Il sole a picco e il caldo intenso ci fanno immediatamente percepire quanto l’acqua sia qui veramente sinonimo di vita.

Gli abitanti della comunità vivono in capanne sparse all’interno della foresta, circondati da maestosi alberi di baobab, che si ergono come monumenti naturali e che fino ad oggi fungevano anche da serbatoi d’acqua. Tutto intorno, il silenzio.

 

cire3

 

Oggi Mangoro rinasce, l’acqua porta vita. Il nuovo pozzo è una conquista, è una ricchezza inestimabile. A prendersene cura sarà il comité de gestão de água istituito proprio a questo scopo. I suoi membri sono stati formati e istruiti, e oggi indossano le magliette che sono state loro appositamente consegnate. Saranno responsabili della pulizia, della manutenzione e della sorveglianza del nuovo pozzo, il quale in passato già era stato costruito e successivamente vandalizzato. I pannelli solari necessari a fornire l’alimentazione elettrica alla pompa di pescaggio erano, infatti, stati rubati e la struttura resa inutilizzabile dal 2013. Ora il tutto è stato ripristinato grazie a un progetto dell’ONG Medicus Mundi Italia (MMI) finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo di Maputo.

Nel distretto di Morrumbene solo il 34,5% della popolazione ha accesso all’acqua potabile. Al fine di migliorare questa situazione, MMI ha redatto un nuovo progetto, da poco approvato, con il quale si propone si realizzare 3 nuovi pozzi e recuperarne altri 3 al momento non utilizzabili.

 

cire4

 

La costruzione dei pozzi avverrà con le seguenti fasi:

  • Perforazione del terreno

  • Posa in opera di tubi

  • Installazione pompa

  • Costruzione di una torre in cemento armato che permette l’adeguata pressione per la successiva distribuzione

  • Collocazione, in cima alla torre, di una cisterna per la raccolta dell’acqua

  • Costruzione di due fontane in direzioni opposte al pozzo, in modo da ampliarne il raggio di distribuzione.

Successivamente alla costruzione verrà effettuata trimestralmente un’analisi dell’acqua per verificare che rispetti i criteri mozambicani di potabilità.

Per ogni pozzo sarà inoltre attivato e formato un Comité de água e saneamento (Comitato di acqua e igiene) composto da 12 membri scelti dalla comunità beneficiaria del pozzo. Il comitato sarà organizzato in tre sottogruppi:

  • Comitato di gestione: incaricato della buona gestione del punto acqua, anche attraverso incontri organizzati e piccoli contributi richiesti alla comunità.

  • Gruppo di manutenzione: responsabile per la manutenzione e la pulizia regolare del pozzo.

  • Gruppo di igiene e salute: deve verificare il corretto uso igienico della fonte, oltreché la situazione igienico-familiare e collettiva della comunità.

Responsabile del coordinamento di tutte le attività del Comité de água e saneamento sarà infine il Líderdella comunità stessa.

Al termine della cerimonia d’inaugurazione l’Administradora del distretto pronuncia il suo discorso: si augura che il pozzo possa essere l’inizio di una nuova rinascita per Mangoro, che faccia rifiorire gli orti che sono andati persi, che dia nuovo abbeveraggio agli animali e che diventi punto di aggregazione per tutta la comunità. Spera quindi di poter tornare tra un anno e trovare una Mangoro trasformata.

Noi, dopo aver brevemente toccato con mano la vita di queste persone, non possiamo che unirci ai suoi auguri, consapevoli che quanto fatto contribuirà ad alimentare il sorriso di questa gente.

 

cire5