• Clicca sul banner per raggiungere la pagina di riferimento sul sito di Amnesty Italia

Leggi

Le recensioni create dallo staff
o caricate dagli utenti
chat

Scrivi

Il tuo blog.
Rendilo pubblico o limitato ai soli utenti registrati
chat

Comunica

Attraverso la chat.
Entra nel sito per visualizzarla.

 Proponi

Una recensione, un live report,
una tua trasmissione
Scritto da: MAT2020

Questo utente ha pubblicato 2003 articoli.
1973 advertising from Rolling Stone december 1973
 

«”Brain Salad Surgery” fu creato in un periodo in cui ognuno nel gruppo era ricettivo ai massimi livelli. Fu l'ultimo vero album della band»

(Keith Emerson)

 

 

Usciva il 19 novembre 1973 “Brain Saled Surgery”, quinto album degli Emerson Lake & Palmer, come diceva Keith Emerson, forse l’ultimo vero album “corale” del trio.

La copertina è una delle più suggestive del prog, e fu realizzata dall’artista svizzero H.R. Giger.

 

 

Il titolo, "Brain Salad Surgery", fu probabilmente tratto da un verso della canzone “Right Place, Wrong Time”, dell'artista rhythm and blues Dr. John, uscita nel febbraio del 1973, ed è un'espressione slang per indicare la fellatio.

L'album raggiunse la seconda posizione nelle classifiche britanniche e la sedicesima negli U.S.A

Di tutto un Pop…

Wazza

 

 

Disse Greg Lake:

“Non ci siamo mai sentiti presuntuosi, cercavamo solo di ottenere il meglio da noi stessi. La musica è il frutto emotivo di un contratto non scritto tra persone. È importante avere una visione e ELP sposava l'artigianato con le emozioni. Ci sono quattro aggettivi per inquadrarci: eravamo espressivi e potenti da un lato, dinamici e romantici dall'altro. Se riascoltate le parti di piano suonate da Keith in "Take a Pebble" ne avrete un esempio palpabile.

Con "Brain Salad Surgery", il nostro apice artistico, siamo stati fortunati e preveggenti, anticipammo la letteratura fantascientifica e i romanzi cyberpunk, e poi la copertina di Giger era meravigliosa. "Brain Salad Surgery" era un prodotto d'arte, solo che non si poteva dire, sembrava troppo per un gruppo rock. Il nostro faro-guida era la bellezza, esattamente l'opposto dei nostri giorni, che hanno dimenticato che cosa sia la parola "artigiano". Molti produttori non hanno idea di cosa sia la musica, imparano qualche trucco da studio d'incisione e si lanciano su Internet.

Oggi il rock è finito. Il termine rock'n'roll non luccica più, ha perso la sua brillantezza. Tutto è diventato manufatto e l'industria è piegata solo alle logiche del profitto.”

 

 

This photo is from backstage on 12.07.73 in Toronto