• Clicca sul banner per raggiungere la pagina di riferimento sul sito di Amnesty Italia

Leggi

Le recensioni create dallo staff
o caricate dagli utenti
chat

Scrivi

Il tuo blog.
Rendilo pubblico o limitato ai soli utenti registrati
chat

Comunica

Attraverso la chat.
Entra nel sito per visualizzarla.

 Proponi

Una recensione, un live report,
una tua trasmissione
Scritto da: Athos_Enrile

Questo utente ha pubblicato 2567 articoli.

Il mio primo impatto con la musica, quando avevo ancora i pantaloni corti, riporta a brani musicali per me all’epoca sorprendenti, eseguiti dai gruppi italiani allora in voga che esercitavano in modo assolutamente libero l’esercizio di “copiatura” sonora, modificando e adattando il testo, che da inglese diventava italiano, cambiando completamente significato.
Non era una grande perdita, a quei tempi le liriche non presentavano ancora nulla di serio, nemmeno al di fuori dei nostri confini, anche se qualcosa, soprattutto in America, stava cambiando, con l’impegno sociale di Dylan e Baez.
 
La tecnologia fu di grande aiuto per la diffusione capillare della musica, attraverso prodotti e supporti sempre più alla portata di tutti, che permettevano peraltro la socializzazione, i quei primi anni Sessanta: rock’n roll, il twist, il folk, il beat, il rythm & blues, il funky… musica da ascoltare, musica per ballare.

 


L’Italia era ben predisposta al cambiamento, ma la cosa che risultò più rapida e semplice per i giovani musicisti e i loro "gestori" fu quella di pescare a man bassa nella produzione anglosassone e farla propria, in tempi in cui non si guardava molto ai diritti d’autore.
In pochissimi parlavano e cantavano in inglese, e spesso i grandi nomi stranieri si prestavano a mettere da parte il loro idioma naturale a favore dell’italico verbo, diventando loro stessi “cantanti italiani”.
Due le alternative per i gruppi e i cantanti: prendere brani di riconosciuto successo facendoli diventare la copia nostrana, oppure pescare nel mare magnum britannico, appropriandosi di canzoni sconosciute, rendendole “nuove” per il pubblico italiano. E attraverso questo modus il brano originale prendeva luce anche entro i nostri confini.
 
Di lì a poco, come è noto, tutto sarebbe cambiato, ma restano dei gioiellini che credo non siano conosciuti da tutti, per cui a partire da oggi, sporadicamente, proporrò un brano originale e la cover corrispondente, e sono certo che qualche cosa di inaspettato verrà a galla.
 
Dopo aver proposto i QUELLI/Tommy RoeMichel Delpeche/ Dik Dik e Manfred Mann e Tony Mark e i Markmen, i Beatles e Fausto Leali e I Profeti, P.P. Arnold e Merrylee Rush, tocca oggi a Barry McGuire e Pino Masi con "Eve Of Destruction"/"L'ora del fucile".
 

Eve Of Destruction/L'ora del fucile - Barry McGuire/Pino Masi

 

"EveOf Destruction" di Barry McGuire, una canzone composta da P.F. Sloan, è stata la base musicale per una canzone politica, L'ora del fucile, pezzo forte del cantautore Pino Masi,  poi entrato a far parte del gruppo teatrale di Dario Fo.

La canzone originale di P.F. Sloan parlava di una ipotetica terza guerra mondiale, ma si espandeva al pericolo rappresentato dalla "Cina rossa"...

 

 

In italiano diventò "L'ora del fucile": ecco il testo…

 

Tutto il mondo sta esplodendo dall’Angola alla Palestina, l’America Latina sta combattendo, la lotta armata vince in Indocina;

in tutto il mondo i popoli acquistano coscienza e nelle piazze scendono con la giusta violenza.

E quindi: cosa vuoi di più, compagno, per capire che è suonata l’ora del fucile?

L’America dei Nixon, degli Agnew e Mac Namara dalle Pantere Nere una lezione impara;

la civiltà del napalm ai popoli non piace, finché ci son padroni non ci sarà mai pace;

la pace dei padroni fa comodo ai padroni, la coesistenza è truffa per farci stare buoni.

E quindi: cosa vuoi di più, compagno, per capire che è suonata l’ora del fucile?

In Spagna ed in Polonia gli operai dimostran che la lotta non si è fermata mai contro i padroni uniti, contro il capitalismo, anche se mascherato da un falso socialismo.

Gli operai polacchi che hanno scioperato cantavan l'Internazionale

Gridavano: Gomulka, per te finisce male. Marciavano cantando l’Internazionale.

E quindi: cosa vuoi di più, compagno, per capire che è suonata l’ora del fucile?

Le masse, anche in Europa, non stanno più a guardare, la lotta esplode ovunque e non si può fermare:ovunque barricate: da Burgos a Stettino, ed anche qui da noi,

da Avola a Torino, da Orgosolo a Marghera, da Battipaglia a Reggio,

la lotta dura avanza, i padroni avran la peggio.

E quindi: cosa vuoi di più, compagno, per capire che è suonata l’ora del fucile?

Autori: P. Masi, P. Nissim, G. Marini (?)

 

 

E da lì a poco sarebbero sbocciato in Italia il corso fortunato del cantautorato impegnato…