Acuarela, il Blog

Amore Platonico

Scritto da: Alessandro Lodi

Questo utente ha pubblicato 30 articoli.
Il poeta Marco Santo
Che cosa si intende per Amore Platonico?

Wikipedia ci puó dare quelche indizzio interessante.

Sembra che il termine amor platonicus sia stato coniato nel XV secolo da Marsilio Ficino come sinonimo di amor socraticus. Entrambe le espressioni, in Ficino, indicano l'amore diretto alle qualità morali ed intellettuali di una persona piuttosto che a quelle fisiche. I termini si riferiscono al legame affettivo molto speciale che intercorre tra due uomini, maestro e allievo, che Platone aveva descritto nei suoi Dialoghi ed esemplificato dal rapporto tra Socrate e i suoi giovani studenti, in particolare Alcibiade.

Questa formula in realtà scaturisce da un contesto filosofico in cui l'amore, inteso come moto dell'animo e non come forma di relazione, viene interpretato come impulso al trascendimento della realtà sensibile, del mondo delle apparenze, capace di muovere la conoscenza verso l'assoluto, permettendo così all'uomo di ricongiungersi con il divino, attuando cioè un processo di indiamento, come illustrato ad esempio nel pensiero di Giordano Bruno.

Un esempio concreto di questo “moto d’animo” fa parte della quotidianitá di Radio Siglo XXI. Marco Santo, il nostro ascoltatore numero 1, il protagonista di tante telefonate che rallegrano le nostre dirette, é “platonicamente” innamorato di Ninoska, la stella del programma! Non potete perdere la trasmissione di questa settimana perché Marco dará una spiegazione esemplare, e piú comprensibile di quella che ci fornisce wikipedia, del concetto di amore platonico.

La trasmissione di questa settimana é particolarmente ricca: oltre al dialogo amoroso tra Marco e Ninoska, c’é il ritorno in radio di Sole e il debutto di Cinthia, ma soprattutto la Tia Andrea, studentessa che da alcune settimane ha iniziato la sua pratica professionale al PPC Acuarela, si presenta al nostro pubblico.

Non mancate, partecipate e ascoltateci numerosi!!!!!!!

Cinthia

La Tia Andrea