Acuarela, il Blog

QUANDO MANCA IL DIRITTO ALL'EDUCAZIONE

Scritto da: Guerra

Questo utente ha pubblicato 30 articoli.

Vivere in Cile, condividere del tempo con i ragazzi della Comuna della Pintana e leggere la realtà che li circonda ti mette davanti al significato vero delle cose che tante volte si sono sentite o si sono dette.

Avere il diritto di andare in una scuola che ti dia un'educazione di qualità qui a Santiago è un privilegio destinato a pochi.

Le scuole qui sono o pubbliche o private ed in un paese dove l'intervento economico statale nei confronti della scuola pubblica è assolutamente insufficiente, si decide a priori chi potrà godere di una buona educazione e chi al termine dell'ultimo anno di scuole superiori sarà a malapena in grado di leggere e comprendere quello che legge.

La legge del mercato neoliberale penetra profondamente nei basilari diritti dell'uomo, all'urlo di chi ha le capacità può riuscire nella vita. Ma questo si traduce in chi ha potere economico e privilegi acqusiti può crescere senza limiti a discapito di chi questo potere non ce l'ha che sprofonda sempre più in uno stato di povertà ed ignoranza. Chi può pagare le migliori scuole ai propri figli gli dará la possibilità di crescere socialmente de economicamente, chi non può permetterselo li vedrà, nella stra grande maggioranza dei casi, crescere senza educazione e di conseguenza con pochissime prospettive per il futuro.

Ed è così che le classi sociali ricche mantengono i propri privilegi, impedendo alle classi meno abbienti di crescere.

Ma sono certo che qualuque genitore vorrebbe il meglio per i propri figli e lo Stato, che rappresenta tutti, dovrebbe dare a tutti le medesime possibilità, valorizzando le capacità di ogniuno e permettendo a tutti di crescere intellettivamente e culturalmente.

La realizzazione di questo provoca, a mio avviso, la crescita generale dell'intero società umana.

Nella puntata di questa settimana Estefani e Camilla, le nostre conduttrici, hanno intervistato Cesar Crusat, professore di storia che ha lavorato a Santiago e a Valparaiso sia in scuole pubbliche che private, portando così la sua testimonianza diretta di come le differenze economiche siano la chiave fondante delle ingiustizie sociali che si perpetuano in questo paese.

Buon Ascolto