Der Weg Einer Freiheit - Unstille

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1286 articoli.
Der Weg Einer Freiheit Unstille(Viva Hate Records, 2012)
 
Voto: 70

#PER CHI AMA: Black/Epic, Windir

 

 

Black metal di una certa caratura quello dei Der Weg Einer Freiheit (la cui traduzione sta per La Via della Libertà); mi spiace solo essere arrivato con incolpevole ritardo (2 anni) alla scoperta di questo 'Unstille', ma si sa che l'underground è sconfinato e io non riesco a monitorarlo completamente. Mi limiterò quindi ad informarvi che esiste un terzetto bavarese, di Würzburg per l'esattezza, che a luglio 2012 ha fatto uscire un lavoro per la Viva Hate Records, appunto il qui presente 'Unstille'. Album che consta di 6 tracce, che partendo da "Zeichen" fino a "Zerfall", propongono una personale visione del genere estremo, feroce, glaciale ma dotato di un certo feeling sperimentale e malinconico. La lunga opening track (12 minuti), dopo un flebile intro, irrompe con il selvaggio drumming di Tobias Schuler, una sassaiola massiccia, accompagnata dalle harsh vocals di Tobias Jaschinsky e dalla chitarra di Nikita Kamprad in tremolo picking, stile Windir. Dodici minuti in cui dovrete essere abili a districarvi tra assalti furiosi di blast beat, ferali vocals, intermezzi acustici, splendide linee di basso e malinconiche melodie. "Lichtmensch" ha un impatto ancor più devastante della precedente traccia, dove ben poco spazio viene lasciato ai frangenti più soft, per cosi dire, della band. "Nachtsam" è una song strumentale che evidenzia pregi e difetti della band teutonica, uno su tutti la mancanza della voce in un pezzo di questo tipo. "Zu Grunde" ci offre altri quattro minuti di debordate furiose che mantengono tuttavia una componente epica nella linea delle sue chitarre, mentre le ritmiche rischiano a più riprese di deragliare dai binari. Con "Vergängnis" ci avviciniamo al lato più introspettivo dell'ensemble bavarese, con un'intro acustica e una song che, su un pattern tipicamente black, inserisce rarefatti passaggi post, segno che c'è un discreto margine di manovra nella proposta dei Der Weg Einer Freiheit, che potrebbe spingerli verso nuovi orizzonti nell'immediato futuro. E arriviamo ai 10 minuti finali di "Zerfall" che mostrano ancora una volta come si possano abbinare divagazioni post rock con la furia cieca del black; il tutto mi lascia presagire che con il prossimo album, ne potremo sentire davvero delle belle. E per questo motivo, lascio volutamente il voto di 'Unstille' mezzo punto più basso, pur trattandosi di un album consigliatissimo, di cui esiste anche una versione con ben due bonus track, tutte da scoprire.