Woe Unto Me - A Step Into the Waters of Forgetfulness

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Utenti Vari

Questo utente ha pubblicato 210 articoli.

Autore: Filippo Zanotti

 

Woe Unto Me A Step Into the Waters of Forgetfulness(Solitude Productions, 2014)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Funeral Doom, Skepticism, Shape of Despair

 

Russia, Ucraina, adesso anche Bielorussia: ormai sembrano queste le terre più prolifiche in termini di musica funerea, branca estrema del nostro amato doom. Ancora una volta la Solitude Prod. ci porta su un piatto ossidato ed incrostato di ruggine, una band che ha fatto proprio il vessillo delle lacrime trattenute, del momento limite tra il lasciarsi andare per sempre all’oblio ed il volgere ancora una volta il capo verso l’alto. Gli Woe Unto Me, con il loro debut fresco fresco, regalano questo: un album che contiene poca luce e ancora meno speranza, anche se non completamente assente perché resiste un capillare di melodia a condurre ogni singolo brano, un lamento che tenta di medicare la devastazione di un growl a tratti quasi effettato e riverberato, creando un contrasto molto apprezzabile tra clean vocals (maschile e femminile, per nostra fortuna bypassando il solto dualismo a la “beaty and the beast”) e grugniti. Tutto questo a frantumare ogni singola nota imbastita dalle due chitarre e sorretta in modo marziale da una sezione ritmica che offre comunque una discreta variabilità di tempi, con qualche accelerazione tuttosommato appropriata per spezzare il mood monocromo che permea il disco. Aspettatevi molti effetti, molti intermezzi rumoristici quali scrosci d’acqua piovana, tuoni in lontananza e rumori di passi, a fare da collegamento tra i vari brani, il che forse rappresenta una delle pecche dell’album, per un certo sentore di già sentito, un po’ un cliché del genere che forse varrebbe la pena di abbandonare in favore di un ben più apprezzabile stacco netto tra i pezzi. Sicuramente l’utilizzo delle tastiere e dei sintetizzatori facilità la vita di non poco nel realizzare sonorità così decadenti, ma per quel che può valere, ritengo che questo possa rappresentare la solita nota (ma sempre ben affilata) lama a doppio taglio, perché il rischio di cadere a volte nello stucchevole si avvicina in più di un’occasione (vedasi il finale del pezzo conclusivo), senza però compromettere troppo il risultato finale. I pezzi sono in media lunghi, si parte dai nove minuti e mezzo per arrivare ad oltre i quattordici, con l’eccezione del quarto brano solo strumentale che si aggira intorno ai sette (e forse rappresenta il miglior esempio di utilizzo delle tastiere di tutto l’album, sarà ripetitivo ma tant’è...). In definitiva, questo disco può essere considerato come un valido esordio per una band che dimostra di avere già idee personali e carattere e che deve solo rendersene conto, ma che dimostra di aver compreso la strategia da usare per il futuro: prendere quanto già esiste e rimaneggiarlo a propria immagine e somiglianza. Con qualche riserva ma bene.