DARKSEED - Ultimate Darkness

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1269 articoli.

2005 (Massacre Records/Self)

Giungono al sesto full lenght i Darkseed, con il loro secondo album per la tedesca Massacre Records, proseguendo un percorso evolutivo molto simile a quello intrapreso dai connazionali Crematory. Ricominciando là da dove avevano lasciato 2 anni or sono con “Astral adventures”, i nostri con questo “Ultimate darkness” continuano ad offrirci un genere che ormai credo abbia ben poco da dire. Non voglio però stroncare la proposta musicale dei 6 teutonici poiché, per quanto riguarda esecuzione e melodia si attestano su livelli medi, tuttavia quello che emerge dalle note di questo album lo trovo ormai superato. I cliché del genere ci sono tutti: chitarre cupe super infarcite di tastiere goticheggianti con richiami più o meno imbarazzanti ai vari Ramstein, o agli album “Host” e “Believe in nothing” dei Paradise Lost. Come dicevo, le chitarre sono assai oscure e pesanti, però a farla da padrone sono decisamente le tastiere, sopra le quali si staglia la voce di Stefan Hertrich che spazia tra vocals pulite e altre un po’ più roche. In alcuni frangenti la proposta musicale dei nostri mi ha riportato alla mente gli ultimi Evereve, forse per i coretti tanto accattivanti quanto mai noiosi alla lunga; in “The fall” ho sentito un riff preso in prestito da “Symbol of life” dei Paradise Lost. Insomma tutto questo per dire che forse questo album potrebbe anche piacervi se i suddetti gruppi rientrano tra le vostre preferenze in quanto “Ultimate darkness” riesce comunque a coniugare un po’ tutti i generi in voga al momento: gothic, elettronica, dark wave e piacevoli ritornelli. Tuttavia credo proprio di non riuscire ad andare oltre al terzo ascolto, poiché la band ha perso quella verve che la contraddistingueva nei primi album e ora risulta decisamente poco entusiasmante e coinvolgente. In ultimo, per i più esigenti, vorrei segnalare che l’edizione limitata comprende un secondo cd contenente 13 unreleased tracks della discografia dei nostri. (SF)

Voto: 60