Decknamen - Obsidian Scriptures

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1357 articoli.

Decknamen Obsidian Scriptures(Autoprodotto, 2017)

Voto: 65

#PER CHI AMA: Post Black Strumentale

 

 

 

Formatisi solamente un anno fa, gli statunitensi Decknamen, dopo aver rilasciato un paio di demo nel 2016, escono con l'EP di debutto 'Obsidian Scriptures', in questo primo scorcio di 2017. Cinque tracce contenute in questo enigmatico lavoro all'insegna di sonorità post black strumentali. Lo si evince con l'introduttiva "Epos", poco più di due minuti di arrembanti sonorità estreme, in cui il trio a stelle e strisce, suona apparentemente distruttivo. A dissipare le nubi che nel frattempo si stanno già accumulando nella mia testa, ci pensa "Shrine of Amenti", un pezzo che mette in luce pregi e difetti della band. I punti di forza riguardano una certa freschezza a livello ritmico da parte del combo americano, con una certa predilezione poi nel mettere in primo piano il lavoro pulsante del basso. Tuttavia, c'è da sottolineare una certa carenza in fatto di precisione a livello strumentale, cosi come quella sensazione che la registrazione, non del tutto professionale, penalizzi il risultato conclusivo. L'apparato ritmico si conferma devastante e parecchio cupo all'inizio della successiva "Omniregency", song che trova modo di rallentare ed accelerare con una facilità disarmante. Quel che emerge però forte arrivati alla terza traccia, è la mancanza di un ultimo fondamentale strumento, la voce. Sebbene i tre musicisti siano bravi a celare la carenza di un vocalist, utilizzando in modo vivace synth e programming, e creando stridolii vari con le chitarre, la necessità di un urlatore, arriva a farsi quasi impellente verso la conclusione del disco. Sono apprezzabili le fughe post rock sul finire della terza traccia o nella prima metà di "The Black Land", segno di una certa apertura mentale e della voglia di sorprendere da parte del trio, però anche in questo caso poteva essere utile una voce, un lamento, un parlato in sottofondo che rendesse la proposta più completa. Ecco, sembra che la musica dei Decknamen sia monca, che il trio arrivi fino ad un punto ma non riesca ad andare oltre perché evidentemente c'è una lacuna profonda, un solco difficilmente superabile, a meno che non si trovino delle soluzioni alla falla. Di potenzialità ce ne sono anche parecchie, vista una rilettura abbastanza originale del genere post black, ma di strada da percorrere in futuro, ce n'è assai di più...