Arkhaeon - Beyond

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1388 articoli.

Arkhaeon Beyond(BergStolz, 2016)

Voto: 75

#PER CHI AMA: Black/Ambient Esoterico

 

 

 

Non so se sia l'influenza della vicina Francia, ma la Svizzera negli ultimi tempi sembra essere un paese in grosso fermento dal punto di vista artistico. La scena musicale pullula di realtà di ogni tipo che vanno dall'indie rock al post metal, fino a giungere quest'oggi a scoprire gli Arkhaeon e il loro black metal esoterico. Dopo aver fatto partire il cd, che consta di un unico brano, "Beyond" appunto, ho avuto un flashback che mi ha riportato ai primi anni '90, quando uscì un'altra band elvetica, i Sadness e il loro magnifico 'Ames de Marbre'. Oggi la storia sembra ripetersi con il black dark di questi Arkhaeon, di cui ben poco si sa: zero informazioni sulla line-up, men che meno sulla loro città d'origine, magari scoprirò che ci sono davvero punti di contatto con quei Sadness, svaniti ahimè nel nulla sul finire degli anni '90. La musica dei nostri sembra terrificante nel suo malvagio incipit, con una scarica di nerissimo black corredato da schizofrenici blast beat, peraltro ovattato da una registrazione non proprio eccelsa. Le vocals sembrano provenire da gironi infernali, tra urla sgraziate e cantati da rituale esoterico. Qualcosa cambia però velocemente perché dopo soli quattro minuti, il sound degli elvetici cambia forma, diviene più atmosferica, grazie ad un ottimo break acustico guidato da una splendida chitarra sul cui sfondo continuano a capeggiare vocalizzi maligni, ma molto più distanti. Sembra quasi l'ascesa delle anime dannate ad un grado più elevato di purificazione perché le voci si fanno più angeliche, il ritmo più compassato e decisamente più spiritualistico. È una forma sonora più votata all'ambient etereo quello che riscopriamo nei minuti successivi; la rabbia dei primi minuti sembra ormai un lontano ricordo. Ma la band ha un'anima mutevole e il maligno si muove ancora, ne avverto l'inquietudine. È tangibile. E non mi sbaglio in quanto riemerge da lì a poco tutta la foga veemente del black in una poltiglia sonora caotica. Si il caos, quello che divampa e incendia l'aria nei successivi minuti in cui la magia e la ritualità da poco costituitasi vengono improvvisamente azzerate per lasciar posto alla furia caustica dei nostri. Non temete, gli Arkhaeon hanno un demone burlone dentro la loro anima che lotta contro il bene e per questo nel corso dei trentatré minuti di 'Beyond' ci sarà modo di cambiare più e più volte il mood tormentato della band, in un'alternanza stilistica che spazia tra sfuriate black, lunghi intermezzi ambientali, screaming vocals, altre più soavi, cerimoniali di ignota origine, suoni, rumori, derive droniche, sperimentalismi vari, che rendono l'album ricco di fascino, cosi dotato di un sound intrigante, ispirato sicuramente dalla vena ritualistica che ne permea l'intera opera, e che come un mantra entrerà nelle vostre teste, cosi come nella mia, e non vi darà più tregua.