When Icarus Falls - Resilience

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1388 articoli.

When Icarus Falls Resilience(Czar of Bullets, 2017)

Voto: 80

#PER CHI AMA: Post Metal, Cult of Luna, Russian Circle

 

 

 

Sapete vero che cos'è la resilienza? Se ne parla molto spesso oggigiorno, ossia della capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà. Non so se gli svizzeri When Icarus Falls si siano trovati di fronte a tale situazione, ma hanno pensato bene di chiamare il loro secondo full length proprio 'Resilience'. I nostri si sono presi tre anni per rilasciare un nuovo lavoro, da quel precedente EP 'Circles', recensito proprio dal sottoscritto su queste stesse pagine. L'attesa come sempre ci ha ripagati, in quanto le cinque tracce contenute in questo cd, rilasciato dall'onnipresente Czar of Bullets, ci consegnano una band in stato di grazia, capace di confezionare delle gemme di post rock/post metal che definirei crepuscolare, intellettuale, raffinato ed impegnato. Premessa iniziale: mixing e mastering dell'album sono ad opera di Magnus Lindberg (Cult of Luna), non certo un pivello qualunque. Si parte con l'ipnotico sound di "One Last Stand" con le sue linee di chitarra circolari, dilatate, soffuse, ariose, timide e compassate, che per oltre dieci minuti vi coccoleranno come in una ninna nanna, in cui si percepisce però una tensione profonda, in grado di creare un evidente stato di ansia. Non sono sufficienti i vocalizzi rassicuranti (in parlato) del frontman a placare quello stato di angoscia che lentamente sale in gola, qualcosa di ammorbante è pronto ad esplodere e lo fa ad un minuto e mezzo dalla conclusione con un ingrossamento ritmico da paura, in un brano che ha modo di chiamare in causa Cult of Luna, Russian Circle, Tool e The Ocean. Il sereno torna ad apparire in cielo dopo la tempesta con la più breve "Into the Storm" che, nonostante un titolo poco rassicurante, garantisce oltre quattro minuti di melodie ben più distese, evocanti questa volta i God is an Astronaut, anche se il finale si fa più rabbioso, almeno per ciò che concerne il versante vocale. State forse storcendo il naso perché su due pezzi ho citato mille influenze? Lasciate perdete, ce ne fossero di band di questo calibro che condensano gli insegnamenti dei maestri in modo cosi completo e coinvolgente. Con "The Lighthouse" si inizia anche a spingere a tavoletta per quanto riguarda la pesantezza dei suoni, con un riffing che da etereo e guidato dalle tastiere, inizia a farsi più grosso, cosi come i vocalizzi, ben più rabbiosi (ed in growl), anche se sul finale c'è un cambio repentino sia a livello ritmico che vocale, a rendere la song ancor più intrigante. Con la title track si torna a percorrere le atmosfere contemplative del post rock, in una lunga traccia completamente strumentale. Rimane ancora "A Blue Light", gli ultimi 12 minuti di un disco griffato, in grado di regalare ottime melodie, lunghi squarci malinconici, suoni dilatati che s'intervallano con scorribande più nevrotiche e accelerazioni improvvise, vocals strazianti e disperate che lasciano percepire tutta la tristezza insita in un album che non deve per alcun motivo passare inosservato. Peccato solo che per il tour europeo non passino dall'Italia.