Apneica - Vulnerabile Risalita

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1451 articoli.

Apneica Vulnerabile Risalita(Mizar Elektric Waves, 2017)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Post Metal/Death Doom, Novembre

 

 

 

Dopo aver ben impressionato la critica (ma pure il sottoscritto) nel 2014 con l'EP 'Pulsazioni... Conversione', i sardi Apneica tornano con un nuovo lavoro sulla lunga distanza, il secondo della loro carriera. 'Vulnerabile Risalita' è un album che segna, per certi versi, un'evoluzione di quanto avevamo recentemente ascoltato dell'act di Sassari. L'opener, "Sul Fondo (Angoli Remoti)" mostra una compagine che sembra aver virato il proprio sound verso lidi post rock/metal assai malinconici, abbandonando quasi completamente qui quell'approccio death doom che contraddistingueva il precedente lavoro. Alcuni lettori forse termineranno la loro lettura su questa mia affermazione, ma vi prego di proseguire, evitando di sentirvi traditi da un cambio apparentemente cosi drastico, sebbene la band isolana mostrasse già le sue forti influenze post anche nelle quattro song che costituivano il vecchio EP. Il ricordo di tinte fosche ed autunnali, con qualche growling soffocato, lo si avverte già in modo impercettibile nella prima song. Siate però fiduciosi, gli Apneica non si sono rincretiniti, hanno semplicemente educato la loro musica, smussato un attimino i loro spigoli e cercato di trovare la quadratura del cerchio, tant'è che nella seconda "Acqua su Acqua" torna il growling possente ad affiancare le clean vocals e quel cantato in italiano, peraltro assai ricercato a livello di liriche, che potrebbe, per stile vocale, richiamare quello di altre band italiche come Afterhours, Verdena o dei Marlene Kuntz che suonano "Impressioni di Settembre" della PFM. Proprio influenze della prog band italiana più famosa al mondo, si ritrovano nel corso della seconda lunga song degli Apneica, che si muove tra echi progressive e digressioni death doom. Un approccio più estremo ma dal piglio sperimentale, emerge durante l'ascolto di "Inserimento Dati Vitali", song che inizia assai delicatamente, per poi lanciarsi in un death doom psichedelico spezzato da un break acustico in cui a venir chiamato in causa questa volta è il vocalist dei Novembre nella sua forma pulita. Suoni raffinati, corroborati dal cantato di Ignazio Simula e da ritmiche che divengono man mano più graffianti, caratterizzano "Programmazione Sentimenti", un'altra song che vede la band spezzettare la propria proposta tra momenti prog, break ambientali e frangiflutti death doom che si propagheranno anche nella seguente "Elemento", traccia interessante ma che manca forse di una certa fluidità musicale, pur strizzando l'occhiolino ancora una volta ai Novembre. Lentamente si arriva a "Modalità Percettiva" (adoro questi titoli cosi ricercati), un brano dalle tipiche suggestioni post rock che lasceranno però il posto alle deviazioni death doom dei nostri, che caratterizzeranno anche "Sognando Nuove Colonne", altro brano affascinante ma che alla fine risulterà comunque ostico nell'ascolto. Probabilmente proprio il voler proporre un sound che manca in linearità o che abbina l'approccio sognante del post rock con l'irruenza apocalittica del death doom, rischia di diminuire il grado di fruizione di un disco che sarebbe a dire il vero assai buono, ma che con i suoi sperimentalismi, disorienta o fa addirittura storcere il naso in quanto gli accostamenti in taluni casi, sembrano davvero forzati. Rimango tuttavia dell'idea che gli Apneica abbiano una personalità ben delineata (confermata anche dall'ultima "In Risalita") ma che debbano affinare ulteriormente la propria proposta musicale, facilitando l'ascolto della propria stralunata proposta.