Karne - Symposium of Torments

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1451 articoli.

karne symposium of torments(Epictural Production, 2017)

Voto: 60

#PER CHI AMA: Black, Darkthrone, Dissection

 

 

 

Black metal dalla Francia quello dei Karne, giunti alla loro seconda tappa della carriera, quella necessaria a superare quanto fatto nell'album di debutto, 'Faith in Flesh'. 'Symposium of Torments' esce a tre anni di distanza da quel lavoro, sotto la guida della piccola ma attenta Epictural Production, che già avevamo avvicinato in passato per le uscite dei Malevolentia e degli Heimsgard. Il quartetto di Nancy propone un black diretto, senza tanti fronzoli arricchito però da una discreta componente melodica. Il tutto si palesa già dall'iniziale "False King Coronation", song che potrebbe essere tuttavia stata scritta da una qualche black metal svedese, per quella capacità innata di miscelare ritmiche serrate, screaming vocals fin troppo onnipresenti e linee melodiche che sembrano rievocare Dissection, Dispatched o Unanimated. Fortunatamente non sono solo sparatissimi riff "in your face" a popolare l'album, vista la presenza anche di qualche break che spezza un'eccessiva monoliticità di fondo della band della Lorena, che palesemente non inventa nulla ma intrattiene l'ascoltatore con ritmiche incalzanti, cambi di tempo e assoli talvolta non del tutto convincenti ("Pyre of Disloyalty"). Francamente già alla terza song, "Waltz in the Shade", si avverte già una leggera sensazione di già sentito e non basta un break di matrice tipicamente heavy a far passare quella sensazione di deja-vu che si acuisce man mano che si prosegue con l'ascolto del disco. Ed è un peccato, in quanto i quattro musicisti transalpini non suonano affatto male. Tuttavia, mi sembra già ravvisare una fase di stanca nella musica dei Karne a partire dalla feroce "Enlightenment of the Flayed", song ancora una volta all'insegna di ritmiche vertiginose che dopo un po' rischiano tuttavia di condurre allo sbadiglio. Di certo la prestazione del batterista è spaventosa, innegabile soprattutto nell'arrembante incipit di "Sempiternal Shackles of Savagery", però ancora una volta mi duole sottolineare una mancanza di idee che i nostri provano a supplire emulando gesta di artisti ben più famosi, compresi i Darkthrone di 'Transilvanian Hunger', con alcuni pezzi che ne sfiorano addirittura il plagio. Skippando tra un pezzo ed il successivo, è difficile distinguere un pezzo dall'altro, sebbene le sonorità siano discrete, le chitarre sempre taglienti, le vocals efferate; continua solo a mancare quel piglio di originalità o quell'imbeccata che possano rendere un disco come 'Symposium of Torments' un minimo interessante. Troppo monolitico, troppo canonico, il secondo disco dei Karne alla fine rimane indicato per i soli fan della band francese.