Sum Of R - Orga

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Bob Stoner

Questo utente ha pubblicato 283 articoli.

Sum Of R Orga(Czar of Revelations, 2017)

Voto: 80

#PER CHI AMA: Dark/Ambient/Elettronica

 

 

 

Disco dalle atmosfere plumbee e rarefatte, basato su suoni profondi e ancestrali, crepuscolare e oscuro, questo è il nuovo lavoro degli svizzeri Sum Of R. Veterani della scena ambient/dark europea, dopo quattro album dalla loro nascita (2008) i nostri si concentrano in un album per appassionati del genere e per ricercatori di musica emozionale sulla scia di Dead Can Dance e Coil, un ambient sperimentale, dilatato e carico di suggestioni evocative (vedi Alva Noto oppure alcuni lavori sul catalogo della Ultimae Records). Piccoli suoni sparsi ovunque che creano composizioni cerebrali cariche di tensione esistenziali. Musica ai confini tra elettronica, ambient e rumori nella distanza, perfetta colonna sonora per film cervellotici ambientati nell'oscurità dello spazio più profondo. C'è il classicismo di Brendan Perry e i piccoli rintocchi ritmici dal sapore etnico, quel senso d'attesa e di infinito che si sviluppa in tutti i brani, gli Art Zoyd in un momento di piena oscurità. Difficile dire quale sia il brano più importante, poiché il disco va assaporato nella sua veste di soundtrack spirituale, perfetta per una elevazione della propria anima. Composizioni di alta qualità in ambito dark, nel segno del noir alla Dale Cooper Quartet di 'Metamanoir' e persino un riferimento alla perversa psichedelia musicale del David Lynch nei suoi più oscuri lavori. I brani sono corredati poi da una splendida produzione, musica da ascoltare in perfetta solitudine o nelle notti più insonni, album per veri cultori che sapranno cogliere e apprezzare il suo valore. Da ascoltare immersi nelle tenebre!