Hourswill - Harm Full Embrace

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1468 articoli.

Hourswill Harm Full Embrace(Ethereal Sound Works, 2017)

Voto: 65

#PER CHI AMA: Heavy Progressive, Morgana Lefay, King Diamond

 

 

 

Sempre dal Portogallo ecco un'altra release targata Ethereal Sound Works: si tratta degli Hourswill, che tornano a distanza di tre anni dal loro debut album, 'Inevitable'. La proposta di questo nuovo 'Harm Full Embrace' si conferma orientata verso un heavy progressive che si rende debitore ai Nevermore di Warrel Dane e soci. È infatti da subito chiaro il riferimento al vocalist dell'ensemble statunitense con la opener "Children of the Void", una song sicuramente articolata che però manca di una certa fluidità musicale che risulta palese durante l'ascolto. Nulla da eccepire sulle qualità tecniche del quintetto di Lisbona, forte peraltro del recente ingresso di Leonel Silva alla voce, che oltre emulare il già citato Warrel Dane, ad un certo punto sembra imitare lo stile canoro di Serj Tankian, in una song che mette in luce anche una buona sezione solistica e diversi cambi di tempo ed atmosfera. Le cose tendono a migliorare con la seconda "Blinding Light", anche se il sound continua a puzzare di vecchio, visto che mi viene a ripensare a 'Maleficium' dei Morgana Lefay, ecco non certo un album dell'ultima ora, ma che ci riporta indietro nel tempo di ben 21 anni! Quello che voglio dire è che la proposta degli Hourswill non è malvagia, anzi è ben curata nei dettagli e nella tecnica, però siamo nel 2017 e un qualcosa di simile me lo aspettavo piuttosto negli anni '90, oggi suona tutto come tremendamente già sentito e non adeguatamente modernizzato. Non mancano ovviamente episodi più interessanti: "Liberty Theory" ad esempio è una song più aggressiva, con una bella linea di chitarre, un buon chorus, ma soprattutto con un feeling (e dei vocalizzi) che richiamano quelli di King Diamond. Ultima segnalazione per "Everyday Sage", una lunga suite di oltre nove minuti, dotata di uno splendido arpeggio iniziale che mette in risalto le origini lusitane della band e che poi evolve in un bel pezzone di musica heavy con le palle. Insomma 'Harm Full Embrace' è un album discreto che pone le basi per un lavoro più sopraffino e ricercato per album futuri.