CALIBAN VS HEAVEN SHALL BURN - The Split Program II

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1267 articoli.

(Lifeforce Records/Andromeda Dist., 2005)

Sono trascorsi quattro anni da quello “The Split Program I” del 2001, che metteva insieme due gruppi metal alle prime armi; dopodichè le due band hanno fatto uscire altri dischi, hanno suonato parecchio in giro e hanno maturato un buon successo nel panorama metal internazionale. Caliban e Heaven Shall Burn, per chi non li conoscesse, sono due valide entità del panorama death/metalcore tedesco, la cui fondazione risale alla fine degli anni ’90. Non so per quale motivo, ma la casa discografica ha deciso di regalare ai loro fan un secondo split, che racchiude undici brani (sei per gli HSB e cinque per i Caliban). Che dire della proposta? Il cd parte con le nuove tracce firmate Heaven Shall Burn, validissimi brani che proseguono là dove l’ultimo "Antigone" si era fermato: techno death combinato con l’hardcore di scuola americana alla Hatebreed, riff devastanti lanciati su una possente base ritmica, amplificata da un’ottima produzione (effettuata presso i Rape of Harmonies Studios), un pizzico di melodia, retaggio degli insegnamenti di At The Gates e Dark Tranquillity, e il gioco è fatto... "Nyfaedd Von" è una ripresa dell’intro dell’album precedente, suonata però con violini e pianoforte; "Downfall Of Christ" e "Destroy Fascism", le ultime due songs, sono due cover rispettivamente dei Merauder e dei finlandesi Endstand. Passiamo ora ai Caliban... la band ci propone un nuovo brano “The revenge”, song che potrebbe tranquillamente stare sul loro ultimo cd “The Opposite From Within”, caratterizzata, come sempre dal mosh cadenzato tipico dell’act tedesco, da velocità e melodia, e infine dalle stridule vocals di Andy. I brani a seguire sono poi sostanzialmente riedizioni di vecchi brani, riveduti e modificati, ma niente di nuovo all’orizzonte... In conclusione direi buona la prima parte del cd, quello dedicato agli Heaven Shall Burn, con tanto materiale inedito e succoso, mentre scarsa è la performance dei Caliban che, aspettiamo trepidamente di nuovo al lavoro, per saggiarne il reale stato di forma. Ad ogni modo, lo split è consigliato agli amanti di queste due band e a chi vuole avvicinarsi, curioso di dare un ascolto alla proposta musicale dei nostri...

Voto:70