DARKTHRONE - The Cult Is Alive

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1269 articoli.

Peaceville Records, 2006

Scrivere qualcosa sui Darkthrone, che già non sia stato detto, diventa ogni giorno che passa, sempre più arduo. A brevissima distanza dalla recensione del discreto EP Too Old, Too Cold , mi trovo a dare il mio giudizio anche sul nuovo capitolo, firmato da Fenriz e Nocturno Culto. Il nuovo Darkthrone non si discosta poi molto, dai precedenti lavori e porta avanti, a testa bassa, il discorso intrapreso dal duo scandinavo quindici anni fa, attraverso queste dieci nuove tracks, non molto dissimili, se volete, dal Mcd apripista del mese scorso. La musica della band è, come sempre, una colata malvagia di note black, dal forte sapore punk, che contraddistingue il gruppo fin dai suoi esordi. Le dieci maligne songs scorrono via che è un piacere, all'insegna di un mosh frenetico e continuo, creato dal sound grezzo dei nostri, il solito ipotetico mix tra Motorhead e raw black metal. Da segnalare "Graveyard Slut" con un inusuale Fenriz in veste di cantante; questo brano era già comparso in "Too Old Too Cold", dove però alla voce c'era il buon Nocturno Culto. I brani sono spesso ripetitivi si sa; devo ammettere però che in alcuni frangenti la chitarra di Nocturno è ben ispirata, sfoggiando alcuni "sporchi" assoli niente male. Angosciante "De Underjordiske", vera e propria calata negli inferi, in cui i due norvegesi ci prendono per mano e ci accompagnano nell'esplorazione dei gironi infernali; la diabolica song mi ha molto ricordato gli esordi dei conterranei Manes, per quelle sue atmosfere al limite del claustrofobico. Altro da scrivere su una delle band storiche del black metal, lo ripeto, risulta assai difficile. "The Cult is Alive" è il tipico album "made by Darkthrone" e si sa: i Darkthrone o si amano o si odiano. Per concludere: album numero 11 per l'act scandinavo e pollice verso l'alto a confermare il valore di una band che, nonostante la non impeccabile perizia tecnica e la scarsa fantasia compositiva, ha saputo crearsi comunque un seguito, davvero ragguardevole, nel panorama metal. Un'ultima cosa: il cd sarà anche disponibile in uno special box contenente il video del singolo "Too Old, Too Cold" e un esclusivo poster. Complimenti ragazzi!!!

VOTO: 75