PHALANX - The Perpetual Myth

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1268 articoli.

(Self, 2009)

Voto: 70

# PER CHI ASCOLTA: Black Death, Dimmu Borgir, Amon Amarth, Bal Sagoth

Dall’Australia con furore, eh si perché l’apertura di questo Ep di 6 pezzi (per 28 minuti di musica), inizia in modo veramente esplosivo con un attacco davvero micidiale. Dopo una trentina di secondi, si inizia a ragionare, ma poi neanche tanto a dire il vero, visto l’alternarsi di cambi di tempo che già l’opener “Rome is Ruined” ha da offrire. Il genere proposto dal quintetto di Brisbane è un black death dalle forti tinte sinfo-progressive . Dicevamo della prima traccia che presenta una ritmica prettamente death, con inserti black sinfonici (grazie ad un intelligente uso delle tastiere) e cambi di tempo davvero spiazzanti. Si prosegue con “Blackmail” e la song non è fantasiosa quanto la prima: chitarre zanzarose in primo piano e con le vocals di Chris ad alternarsi tra un cantato stile Shagrath e il growling tipico del death. È una song abbastanza banale, suonata con ordinaria amministrazione, ma poi sul finale il ritmo si fa più incalzante, il pathos sale e sembra di udire una cavalcata in pieno stile Amon Amarth. La terza “From the Ashes”, corre via con il suo black cosmico che pesca a piene mani dal repertorio di Emperor, mentre “Possessed by Infernal Torment” mostra il lato più epico dei nostri nonostante l’inizio sia tra i più selvaggi mi sia capitato di ascoltare negli ultimi tempi. Il sound è violentissimo, ma poi nella sua evoluzione, è in grado di dipanarsi brillantemente tra elementi estremi ed influssi rock progressive, con un epos davvero avvolgente ed intrigante, decisamente la migliore song di questo cd. La quinta traccia è solo un intermezzo acustico che prepara alla furia dirompente della title track, dove mi sembra di ritrovarmi al cospetto del fantasy black dei Bal Sagoth. In definitiva, “The Perpetual Myth”, pur non offrendo nulla di particolarmente innovativo, ha stuzzicato enormemente i miei sensi, facendomi scoprire una nuova interessante realtà musicale da tenere assolutamente monitorata. Ottimi in prospettiva futura!

# MASSIMA ALLERTA: sound fantasioso e dirompente

# COLPO DI SONNO: l’acustica “Ruins”