THY WINTER KINGDOM - Opus I - Discipline Of The Elements

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1279 articoli.

Black Tears Of Death, 2001

Questa volta la Black Tears Production pesca bene nell’underground ligure, dopo la non proprio esaltante prova dei Sacradis. E’ il turno infatti dei Thy Winter Kingdom, band nata agli inizi del 2000 per mano di Lord Vinternatt e Bahal (chissà dove li trovano tutti questi nomi) con l’intento di esprimere tutte le loro più profonde emozioni. E così durante l’inverno 2000-2001, grazie all’aiuto di Tundra c’è la preparazione del loro mcd di debutto (appunto questo che mi appresto a recensire), che mostra il loro punto di vista sulla teoria filosofica dei 4 elementi (fuoco, terra, aria, acqua). Le 6 canzoni contenute nel mcd, per un totale di 19 minuti, possono essere descritte come un glaciale black metal ricco di sfumature e dalle forti tinte nordiche. Eh si, perché le influenze di Burzum e Bathory sono parecchio palesi, a volte perfino imbarazzanti, con la classica chitarra ronzante a regalarci giri di black metal che ricordano il bellissimo “Hvis lyset tar oss”, la voce che può richiamare alla mente quella del Conte, atmosfere spettrali e una mancanza cronica di potenza, tipica delle band che fanno questo tipo di musica. Tuttavia i 6 brani ci mostrano un gruppo capace di fare, che sicuramente dovrà migliorare per poter uscire dal calderone delle “medioband”, però sicuramente questo è un buon viatico per fare bene meglio in futuro e candidarsi a band leader nel genere, in Italia.