CRIMINAL HATE - Ataraxia

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1268 articoli.

(Criminal Intent Records, 2009)

Voto: 65

# PER CHI ASCOLTA: Black/Death, Cradle of Filth, Immortal

La nascita di questo combo siciliano è addirittura datato 2001, quindi quasi un decennio di vita per questa band underground di Catania, che solo ora riesce a dare alle luce il proprio debutto discografico (del 2005 un EP, “Regression of Human Race”). “Ataraxia” è un tipico esempio di black death influenzato dal sound vampiresco dei Cradle of Filth in primis: aspettatevi quindi una release abbastanza tirata, che come i loro maestri ai tempi migliori, non disdegnano quelle inquietanti melodie e ambientazioni horror a supportare l’estremismo sonoro (mai eccessivo a dire il vero). Quello che ne viene fuori è un lavoro che, pur essendo abbastanza derivativo, si lascia piacevolmente ascoltare, anche se credo che l’emivita (per dirlo in termini farmacologici) di questa release, non sia delle più lunghe. I Criminal Hate ci sparano in faccia queste otto tracce in grado di alternare feroci cavalcate black, con le keys ad arricchire in modo mai troppo invadente, il sound del trio catanese, a momenti in cui minacciosi rallentamenti la fanno da padrone. Diciamo che c’è ancora da lavorare molto per ottenere dei buoni risultati, tuttavia, “Ataraxia” rappresenta già un discreto punto di partenza da cui crescere e prendere il volo. Il terzetto siculo si muove con estrema disinvoltura all’interno di un genere che ha visto uno scoraggiante declino negli ultimi anni e quindi mi rende felice vedere che c’è ancora qualcuno che si dà da fare per mantenere viva quella tenue fiammella di black sinfonico e “The Curse of Anubis” (ma anche la successiva “Empire of Insanity”) possono essere considerate la summa dell’intero lavoro accorpando soluzioni sinfo-black con elementi goticheggianti. Per chi è in cerca di emozioni quasi del tutto andate, i Criminal Hate possono ancora rappresentare la speranza per un futuro migliore… in chiave black sinfonico sia chiaro!

# MASSIMA ALLERTA: la varietà musicale di “The Curse of Anubis”

# COLPO DI SONNO: se la ritmica (e la produzione) fossero state più potenti, i colpi di sonno non erano contemplati