AMPEDRA - A perfect day - live

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1270 articoli.

Autoprodotto, 2002

Ahimè ci risiamo: come fa un disperato recensore a descrivere il sound di una band da soli 9 minuti di musica per di più registrati in presa diretta dal vivo? Questa volta a combinare il “pasticcio” ci pensano gli Ampedra, band di cui ignoro la provenienza (è assente nella bio in mio possesso) anche se credo siano di Viterbo. Si tratta di un four piece, che da parecchi anni calca la scena metal italiana: la fondazione risale addirittura al 1995; possibile che non li abbia mai sentiti nominare, eppure hanno partecipato a manifestazioni con Negrita, Franky HI NRG, INSIDIA. E proprio a questi ultimi si può avvicinare la musica del quartetto laziale, anche se è palese, l’accostamento ai fin troppo osannati Pantera, già con il primo brano, “Dark into my self – Pantera Tribute” . E’ comunque semplice recensire questo demo, data anche la breve durata: se avete presente i Pantera, gli Ampedra rappresentano una versione più sporca della band americana guidata da Phil Anselmo: un pesante muro di chitarra, con un cantato un po’ troppo inespressivo e un sound povero di originalità. L’invito che faccio alla band è di personalizzare maggiormente la propria musica e, se proprio è questo il genere che preferiscono suonare, di rimboccarsi le maniche e lavorare sodo per raggiungere buoni livelli per emergere dalla massa di band che “abusano” di questo tipo di musica. Se sentite la mancanza dei Pantera (ma a proposito si sono sciolti?), contattate questa band, potrebbe fare al caso vostro…