SINISTHRA - Last of the stories of long past glories

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1632 articoli.

(Arise Records, 2005)

Dalla terra dei vari Him, The 69 Eyes, Entwine e Charon (...e chi più ne ha più ne metta), ecco arrivare un’altra band di gothic metal. Dalla gelida Helsinki approdano sul mercato discografico questi Sinisthra (da non confondere con gli olandesi Sinister), conosciuti fino a pochi mesi fa con il monicker Nevergreen. Ascoltando questo loro disco, abbiamo oltretutto la possibilità di sondare le doti canore del nuovo singer degli Amorphis, tale Tomi Joutsen, passato nelle file della band di Tomi Koivusaari, dopo la dipartita di Pasi Koskinen (passato a sua volta a tempo pieno nelle file dei conterranei Ajattara). Parliamo di musica ora: “Last of the stories...” è un esempio di classico gothic metal, ispirato alle band sopraccitate, ma anche dai lavori più “pop” dei Pyogenesis, dagli ultimi album degli Amorphis e addirittura in qualche passaggio ho potuto scorgere l’ombra dei Red Hot Chili Peppers (quelli più intimistici però). I 40 minuti di questo lavoro ci offrono un po’ tutti i clichè del genere: malinconiche melodie sostenute dalle soffuse tastiere di T. Vainio, squarciate da momenti più aggressivi e dagli assoli dei 2 chitarristi. E poi la voce di T. Joutsen... che dire? Pensare che andrà a cantare sul prossimo disco di una delle mie band preferite di sempre, un po’ mi fa venire i brividi, ma forse dovrò farci l’abitudine. La sua voce è nasale, dotata di una buona estensione vocale, ma poco carismatica; sprigiona poca energia e l’album scivola via stancamente senza mai essere troppo coinvolgente. Cosa volete che vi dica, se queste sono le premesse, io che sono un sentimentale, rimpiango un po’ i tempi, quando il buon vecchio Tomi Koivusaari gorgheggiava su “Tales from the thousand lakes”. Per quanto riguarda le liriche trattano temi più che altro intimi e personali. Insomma questi Sinisthra li ho trovati abbastanza spenti e poco convincenti. Aspetterò con estrema ansia gli Amorphis ora..

Voto: 50