AFTER ALL - This Violent Decline

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1270 articoli.

2006 (Dockyard I/Edel Italia)

voto: 60

# PER CHI ASCOLTA: Thrash Metal, le bands di San Francisco anni '80

A distanza di un anno e mezzo dal mediocre "The Vermin Breed" (che già avevo stroncato lo scorso anno), tornano sulla scena i belgi After All con il loro thrash metal influenzato dai mitici anni '80. A differenza del precedente disco, il sound di questo "This Violent Decline" si è parzialmente irrobustito, mantenendo comunque come solida base di partenza lo stile proposto dai mitici Exodus e dalle altre band dell'area di San Francisco. La produzione di Fredrik Nordstrom (In Flames, Arch Enemy, Soilwork) ai mitici Fredman Studios di Gotheborg, ha giovato parecchio al sound della band mitteleuropea rendendo i brani più potenti e compatti, dodici nuovi pezzi con cui gli After All cercano di colpirci al costato. I ragazzi parzialmente riescono anche nel loro intento, sparandoci in faccia vincenti riffs heavy thrash, rasoiate laceranti degli axemen che risultano preparati sia in fase solistica che ritmica, cavalcate che richiamano gli album anni '80 di Metallica e Testament e gli immancabili chorus alla Anacrusis o Xentrix. Il gruppo cerca anche di inserire alcune melodie squisitamente catchy nella propria musica, per non apparire alla fine del tutto insipidi e passare inosservati ai più. Diciamo che la sufficienza la raggiungono, anche se la performance del vocalist risulta ancora poco convincente; inoltre si tratta di musica che come al solito ha ben poco da dire, vista comunque la pochezza di idee e originalità spese. Il disco comprende anche la traccia video di "Frozen Skin". Alla fine, "This Violent Decline" è un album di thrash metal anni '80, riletto in chiave moderna, quindi chi è appassionato di questo genere, un ascolto lo dia pure. Gli altri, si vadano a sentire gli originali, molto meglio...

# MASSIMA ALLERTA: l'assolo di "Sacraments for the Damned".

# COLPO DI SONNO: a metà disco ho iniziato a chiudere gli occhi...