ARCANE GRAIL - Arya Marga

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: PanDaemonAeon

Questo utente ha pubblicato 16 articoli.

(Kiv Records, 2009)

Voto:85

# PER CHI ASCOLTA :SYMPHONIC BLACK METAL,DOOM, MELODIC DEATH.


Avevamo lasciato i due fratelli Grail (Demether e Natalie) nel 2008 con il cd “Cemetary Of the Lost Souls” dove avevano stupito a dir poco. Nel 2009 ritornano con un altro cd, “Arya Marga”, ennesima finestra sul mondo degli Arcane Grail. Il cd è composto da 8 track più una versione in lingua madre (russo) di "Arcane Grail", la canzone che apre il cd. Ma andiamo a guardare più da vicino il mondo incantato dei nostri: la release si apre con la traccia omonima, apripista e guida per scoprire la proposta musica del combo russo e già capiamo la qualità buona della proposta musicale, assolutamente mai banale. Il sound è molto potente, ma allo stesso tempo si accavallano elementi sinfonici (in quasi tutte le canzoni), melodie dal sapore medioevale (“Sorrow Forgotten Pride”), ritmi quasi marziali e sempre potenti (“Imprisoned in the Greatest War”). Vorrei spendere una parola in più, per la voce di Natalie, veramente degna di nota, brava, mai esagerata e nella canzone “Die Sonnenhymne”, dà sfoggio della sua bravura e della potenza e dolcezza della sua voce, davvero complimenti. Il cd si chiude con il brano “Inquitous Yoke” che risalta per la veemenza con la quale l'ascoltatore percepisce sin da subito il brano. "Arya Marga" è un album che in tutte le sue parti risulta ben studiato, soprattutto la parte strumentale, con un riffing sempre ben supportato dalle parti di batteria, con le parti sinfoniche sempre caratterizzanti, talvolta rilassanti, che decretano un ottimo lavoro per questo gruppo che viene dalla fredda Federazione Russa. La tracklist ha diversi punti vincenti da offrire e alla fine l’ascoltatore arriverà su quella finestra dalla quale finalmente potrà scrutare il mondo degli Arcane Grail. Vale la pena immergersi nelle note di questo lavoro, che vi spingerà in un oscuro pellegrinaggio in un mondo magico, sinfonico e violento, partorito dalle brillanti menti di questo sestetto. Nel nostro piccolo possiamo dire “se è questo il freddo che vien dalla Russia, è sicuramente ben accetto”. Gli Arcane Grail hanno trovato la loro strada e la stanno percorrendo alla grande e questo lavoro ne è la conferma. Sono certo che i nostri potranno fare cose sempre migliori nel corso del tempo, perché le potenzialità ci sono, eccome!