ATRA HORA - Lost in the Dephts

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1269 articoli.

(Darknagar Records, 2010)

Voto: 70

Scava e scava sempre più in profondità e vedrete che possono venire alla luce pietre preziose o reperti archeologici antichissimi. Alla stregua di un archeologo, in questo periodo mi sono lanciato alla ricerca di quanto più misterioso e oscuro possa rivelare l’underground metallico. Ancora una volta mi spingo quindi verso i lidi inesplorati della Russia, bacino dall’inestimabile valore, con questa uscita targata Darknagar Records, alla ricerca di chissà quale monile o gioiello. Ecco capitare quindi tra le mie mani “Lost in the Dephts”, debut album dei russi Atra Hora, il cui inizio è affidato ad una quasi tribale, anzi direi mediorientale melodia, che quasi mi spinge pensare ad una band in stile Melechesh. In realtà, mai fu cosi sbagliata la mia ipotesi: l’act dell’ex Unione Sovietica infatti, suona death metal di stampo melodico che fin dall’iniziale (e dall’incedere marziale) “Journey to the Chaos” mi ha ricordato i Rotting Christ di “Sleep of the Angels”. “They Go” abbandona le atmosfere soffuse iniziali per lanciarsi in una cavalcata arrembante, in cui trova posto un break centrale di basso, mentre la successiva “Awaking of the Unholy”, traccia, con le sue linee di chitarre, piacevoli melodie, con le roche vocals di Alextos a rendere omaggio alla natura. Ben più brillante è la lunga “War Under the Sign of Baphomet”, che si apre con una parte narrata, per lanciarsi ben presto in vorticosi giri di chitarra, senza tuttavia mai andare a velocità sostenute, ma anzi tracciando sinuose melodie, sulle quali emerge il growling/screaming di Alex, con i toni che sembrano aumentare, sollevarsi e avvinghiarsi come un serpente che si attorciglia attorno ad un albero. La ritmica cresce lentamente, non toccando mai vette inusitate però, per arrestarsi di colpo nel consueto break acustico centrale, e lasciarsi finalmente andare nella cavalcata finale, dove il pizzicare le corde di Yanis, sembra possa rifarsi alla tradizione etnica russa; l’ultima parte è invece lasciata ai tenui tocchi di un pianoforte. La band di Pyatigorsk mi piace parecchio, anche se come capita ormai nel 90% delle recensioni che scrivo, è ormai impossibile poter trovare qualcosa di originale e il terzetto non è certo immune a questo male dilagante; tuttavia non è di cosi fondamentale importanza. “Holocaust” pesca dalla tradizione pagana, per poi lanciarsi in un nuovo attacco, ancora una volta richiamando il primo epico sound dei greci Rotting Christ. Un altro arpeggio nella tradizione mediorientale apre “Requiem for Human Tribe”, poi è un riffing vario, accompagnato costantemente da quei fastidiosi blast beat, a condurci nel regno degli Atra Hora, che fanno dei cambi di tempo repentini, degli intermezzi acustici, delle aperture al limite del progressive (date un ascolto alla lunghissima conclusiva “Voices of the Forgotten Dephts” per farvi un’idea), i loro punti di forza. Non siamo di fronte a dei mostri, né di tecnica, né di personalità, tuttavia sono pienamente convinto che ci possano essere ampi margini di miglioramento. Sorvegliamoli e vediamo dove potranno andare a parare; uno sgrezzamento nel loro impianto sonoro, qualche buona idea piazzata qua e là, l’utilizzo di qualche diabolico orpello e i nostri potrebbero potenzialmente fare il botto. La parola d’ordine rimane però una sola, coraggio!