CHTHONIC - Takasago Army

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1268 articoli.

(Spinefarm, 2011)

Voto:75

Da più parti massacrati o addirittura additati come cloni dei Cradle of Filth o Dimmu Borgir, io, come sempre, decido di andare contro corrente ed evidenziare pregi e difetti della band proveniente da Taiwan, che con questo “Takasago Army” giunge all’ammirevole traguardo del sesto album e direi che il risultato finale è davvero buono. 10 tracce che si aprono con la classica intro tastieristica, “The Island” (dove fa la sua comparsa anche il classico violino a 2 corde, l’ehru), e poi il quintetto dagli occhi a mandorla, ci apre al loro mondo musicale fatto di un impianto di musica estrema (né black, né death a mio avviso), condito da atmosfere orientali, poste su arrembanti cavalcate heavy metal, in grado di regalarci momenti di grande piacere e relax per le nostre menti, già frustrate dal rientro dalle vacanze. Lo scorso anno mi trovai a recensire nello stesso periodo i finlandesi Whispered e devo ammettere che le somiglianze tra le due band sono tangibili, con entrambi gli ensemble che cercano di miscelare sonorità tipiche delle colonne sonore dei film ambientati nella terra del “Sol Levante” (“L’Ultimo Samurai” o “L’Impero del Sole”), con un sound che ammicca palesemente a quanto proposto dai Children of Bodom, con un esito tuttavia molto più soddisfacente della ormai decadente ex-super band finnica. Anche in questo cd, le tematiche riprendono il filo conduttore dei due precedenti lavori, con la narrazione di quanto accadde durante la Seconda Guerra Mondiale, ossia dell’appoggio dei volontari dell’isola di Taiwan dato all’esercito giapponese contro la Cina. Certo, come al solito non è sempre tutto oro quel che luccica, alcuni passaggi evidentemente non brillano per originalità, o in alcuni tratti il sound della band è appiattito banalmente dalle soluzioni prevedibili che il genere obbligatoriamente impone. Quello che continua a stupire tuttavia è la forza di una band, che pur vivendo agli estremi confini dal mondo occidentale, continua a farsi largo in Europa, con lavori di grande spessore, pur mantenendo inalterata la propria identità “epico-folkloristica” che da sempre contraddistingue l’act mandarino. Sono felice che i nostri siano ritornati e che si siano potuti riconfermare con un sound caratterizzante; basta ora sistemare un pochino quella stridula voce da cane castrato (o in stile Dani Filth) conferendone una più matura e i Chthonic saranno pronti al grande salto. Scommettiamo?