ANKHAGRAM - Where Are You Now

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1269 articoli.

(Silent Time Noise Records, 2010)

Voto: 80

Russia, Russia, prepotentemente Russia, a conferma che da quelle parti c’è una scena fiorente più che mai, con una serie di etichette che puntano senza timore su giovani band, molto spesso di grande valore. Ecco arrivare quindi da quelle lande misteriose un “nuovo” (questo è il loro quarto cd) act a sorprendermi, con un sound oscuro, morboso, avvinghiante e malato. Sarà il gelo dell’inverno di Ekaterinburg, ma la one man band guidata da Dead, si conferma molto ispirata nelle 6 lunghe tracce, con un funeral death doom, che ricalca gli insegnamenti di Shape of Despair in testa, ma che poi “sporca” i propri suoni con aperture melodiche quasi shoegaze, a dimostrare l’intelligenza maturata dalla band nei suoi sei anni di esistenza. Tenebrosa la opening track, con i suoi undici minuti spaccati che si chiudono con un lungo assolo di piano, che apre anche la successiva “The Mistress” capace di generare prolungati brividi lungo la mia schiena con quel suo incedere quanto mai suadente, mantenendosi costantemente ancorato alle sonorità estreme solo grazie alla voce growling di Dead. Ho come l’impressione che se solo cambiasse registro vocale, la proposta degli Ankhagram potrebbe aprirsi a masse notevoli di pubblico; questo non sta a significare che la proposta del gruppo russo sia commerciale, ma vi garantisco che non si può non rimanere folgorati dai suoni messi in scena dal buon Dead, capace di coniugare suoni deprimenti ma allo stesso tempo ariosi, freschi, malinconici, emozionanti e potrei aggiungere altri mille aggettivi per cercare di farvi capire che non ci si deve per forza soffermare sull’etichetta funeral o death perché questo è un lavoro di cui mi sento di poter consigliarne un ascolto a tutti, a tutti quelli che hanno voglia di aprire i propri confini mentali, a chi ha voglia di emozionarsi, a chi come me avrebbe il desiderio di abbandonarsi in un sonno senza fine, la cui colonna sonora potrebbe certamente essere quella degli Arkhagram. Quando ancora sono immerso nei fumi inebrianti di “The Mistress”, parte “Trees of Feelings” con i sui dieci minuti e passa di musica per lo più strumentale, come se Dead avesse carpito il mio desiderio di sentirlo meno vomitare in quel microfono, e avesse realizzato che forse un sussurro può essere molto meglio che un growling profondo. La formula non cambia anche con le seguenti “Shade You” e “K.O.D.”, dove le parti atmosferiche costituiscono buona parte dei loro 18 minuti complessivi e dove le tastiere acquisiscono un ruolo di assoluta rilevanza nell’economia dei brani. Citazione conclusiva per l’ultima “Kids”, cover dei (per me sconosciuti) MGMT, ma che comunque ben si amalgama con la proposta degli Ankhagram, band che da oggi in poi inizierò a seguire con estrema dedizione e curiosità, in attesa di scoprire se il prossimo album possa realmente essere quel capolavoro che ipotizzo possa celarsi nella mente di Dead. Meritevoli della vostra attenzione!