CONSUMMATUM EST - Hypnagogia

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1268 articoli.

(Silent Time Noise Records, 2010)

Voto: 75

Ancora Silent Time Noise Records, ancora funeral doom e il binomio continua a funzionare alla perfezione. Fa un po’ specie però che sotto l’etichetta russa ci sia questa volta una band italiana, ancora a dimostrare che nel nostro paese ci sia una grande paura ad investire nelle band underground e che alla fine il nostro prodotto debba essere sempre e comunque sdoganato. A parte le mie solite lamentele nei confronti delle scelte delle label italiane, mi abbandono immediatamente alla disperazione che questa release ha la capacità di infondere sin dalle sue note iniziali. Dicevamo all’inizio del funeral doom e qui, devo ammettere, c’è n’è in quantitativi esagerati, a partire già dalle durate non indifferenti dei quattro brani, che si assestano costantemente sui 12 minuti. Lunghe suite fatte di minacciose e opprimenti melodie, un macigno che grava pesantemente sul mio sterno. “Dolls and Ravens” apre sinistra, con grevi e lentissime ritmiche, un growling profondo (quello di Haemon), controbilanciato dal brillante lavoro ai synth di Vastitas e dalle vocals del soprano Tori. L’incedere è tetro, fangoso, una vera marcia funebre, che prosegue anche con la successiva “Hypnagogic Prospectus”: qui non c’è spazio a dinamiche cavalcate, non c’è un filo di luce nella musica dei Consummatum Est, non c’è alcuna soluzione sorprendente, ma solo tanta e profonda tristezza, enfatizzata mortalmente dalla musicalità solenne dell’organo a celebrare la fine, cosi come ad annunciare la fine arriva la campana a risuonare nel bel mezzo della seconda traccia. Mi ritrovo al terzo brano, l’omonima “Consummatum Est”, e scopro che compare come guest vocal, Greg Chandler degli Esoteric, e che la musica dei nostri, non si discosta poi più di tanto dai dettami dei grandi maestri del genere. Ovviamente, ascoltando “Hypnagogia”, i nomi che vengono alla mente sono sempre gli stessi, con Pantheist ed Shape of Despair in testa, senza dimenticare Evoken o Skepticism, tuttavia il sestetto laziale lascia intravedere anche una propria definita personalità, che si esplica soprattutto nell’utilizzo delle keys e delle voci femminili, alquanto rare in altre band funeral recensite sino ad oggi. La terza traccia è forse quella che preferisco in assoluto, quella che, sebbene più lunga, mi si imprime nel cervello per varietà (da non sottovalutare anche l’inserto folk della conclusiva “Vertebra”), per l’oscuro terrore che è in grado di inocularci, per le sue tenui atmosfere, e quel delicato utilizzo del pianoforte sempre accompagnato dall’angelica voce di Tori che va ad addolcire il growling di Haemon e lo screaming sgraziato di Moerke, tutti elementi che alla fine riescono a coesistere in un’innata armonia di fondo. E tutto ciò rivela il lavoro apprezzabile fatto dalla band, in quanto non è cosi semplice sostenere tempi ultra slow per una quindicina di minuti, senza correre il rischio di sfiancare fino ad annichilire l’ascoltatore e perdere pertanto di interesse. Gli intelligenti arrangiamenti, l’ardua ma azzeccata convivenza tra classicismi e funeral doom, tra momenti di inesplicabile pathos e drammaturgia, insomma i nostri sono riusciti nell’intento di far coesistere tutto questo e se non si è padroni dei propri strumenti o non si ha una certa personalità, vi garantisco che tutto questo non sarebbe possibile. Un plauso va dunque alla proposta degli italianissimi Consummatum Est, rara creatura di musica funebre presente anche nella nostra penisola.