SANCTUS DAEMONEON - Nothingless Nothingness

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1278 articoli.

(Dunkelkunst, 2009)

Voto: 75

Un inizio inquietante (un colloquio fra un uomo e una bambina) in pieno stile Deviated Daemen apre questo EP di 5 pezzi dei danesi Sanctus Daemoneon, band dedita ad un black doom funereo. “Coma Tossing Elegance” è un vero incubo ad occhi aperti: sonorità cupe, tortuose, sofferenti, inesorabilmente lente e con una voce, palesemente influenzata da Attila Csihar, capace di rubare la nostra serenità. Il cammino prosegue con “Carnival of Pretend” e sinceramente non riesco a focalizzare ancora la proposta dei nostri: mi sembra di ascoltare una nenia per addormentarmi, interrotta solamente da harsh vocals e da un giro nebuloso di chitarre (e sega elettrica??) che penetra nel mio cervello insieme ad altri suoni di derivazione cibernetico-industriale, continuando ad obbligarmi a vivere questo incubo. “The Great Escape” è un altro esempio di dark rock funeral industrial doom, in cui la parte black è relegata esclusivamente alla componente vocale: una cortina fumosa di chitarre che sembrano riecheggiare i The Cure di primi anni ’80, con un’atmosfera sinistra alla The Fields of the Nefilim con la vocals dei Mayhem, tutto chiaro no? Intriganti al massimo: sono completamente assuefatto a questi suoni che rimbombano come una catena di montaggio attivata dai neuroni all’interno delle pareti sinuose del mio cervello. Tocchi di pianoforte, una chitarra arpeggiata, mortifere vocals, parti ambient e synth di una malvagità spaventosa, costituiscono il tema portante di “Zero” prima della conclusiva “Destination Isolation” che sancisce la fine dell’inquietudine della mia anima. Paura è l’unica emozione che rimane nel mio corpo, ma poiché sono affascinato da questa emozione, sapete che faccio? Premo nuovamente il tasto play e rivivo queste terribili ma ammalianti emozioni.