SIEGHETNAR - Endlösung

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1288 articoli.

(Kunsthauch, 2010)

Voto: 70

La Kunsthauch Production si sta rivelando sempre più un’ottima etichetta, dalle scelte estremamente oculate anche se costantemente indirizzate al mondo dell’underground più profondo. Ci addentriamo oggi nel fitto sottobosco germanico andando a scovare la creatura misteriosa dei Sieghetnar, capitanata dal folletto Thorkraft, che ripropone per la label russa, il demo del 2008, intitolato “Endlösung” (che insieme al debut album “Verfallen & Verendet”, sono le uniche opere della band a contenere parti cantate). Si tratta di cinque capitoli raggruppati in un’unica song di 29 minuti di musica ambient nel suo incipit di otto minuti, cosi come il buon vecchio Count Grishnackh, insegnò ai suoi discepoli nel lontano 1992, con il pezzo “Tomhet”, estratto da “Hvis Lyset Tar Oss”. Sto ovviamente parlando dei Burzum, per chi non lo avesse capito, e proprio traendo spunto dalla band norvegese e dalla tradizione nordica in genere, la one man band tedesca prosegue il proprio cammino, proponendo successivamente delle parti acustiche che per un po’ mi lasciano intendere che il cd non troverà mai uno sfogo eclatante nella sua proposta. Non faccio in tempo a terminare questo pensiero, che l’album esplode nel bestiale screaming di Thorkraft, che tra guaiti in stile Varg Vikernes e cleaning vocals, vomita tutto il proprio odio nei confronti nel mondo e dell’umanità, su una base estremamente atmosferica, con chitarre in grado di condurci alla disperazione più totale. Terminata la fase suicidal depressive, l’act tedesco si abbandona nei suoi conclusivi nove minuti ad altri vaneggiamenti ambient, contrappunti cibernetici e qualche sample elettronico. Francamente non sono un amante delle sonorità ambient, tuttavia una durata assolutamente non eccessiva della release, spezzata dal black crepuscolare nella sua parte intermedia, mi ha fatto apprezzare non poco “Endlösung”. Certo, non sarà l’album che metterò in auto la mattina per andare a lavoro, però in qualche serata particolarmente malinconica, questo lavoro sarà in grado di darmi il colpo di grazia definitivo. Plauso finale per le immagini in chiaro scuro della cover cd e del booklet interno. Rilassanti!