AS AUTUMN CALLS - An Autumn Departure

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1268 articoli.

(Naturmacht Productions, 2011)

Voto: 70

Anche la scena canadese inizia a mostrare un certo fermento al suo interno; complici forse le sterminate distese di boschi o i ghiacci invernali, la quasi totale assenza di anima viva su un territorio esteso migliaia di km, tutto questo forse stimola non poco l’immaginazione delle band che, pian piano, stanno emergendo dall’underground, non ultimi i Crepuscule, da poco recensiti e questi As Autumn Calls. Quando poi leggo Autunno nel nome del gruppo di quest’oggi, inevitabilmente mi viene da pensare a sonorità tipicamente death doom, intrise di una forte vena malinconica. E in effetti dopo che il consueto intro ha fatto il suo corso e la successiva “Closer to Death” attacca, mi accorgo di non aver sbagliato di una virgola il mio pronostico. Quello degli As Autumn Calls è infatti un death doom dalle inequivocabili tinte autunnali, basato su ritmiche mid-tempo, sorretto da arioso melodie di tastiere, qualche gradevole intermezzo acustico, lunghe cavalcate epiche che con la mente mi riportano a sterminate zone boschive, ambientazioni decadenti, con le growling vocals di James (non proprio eccezionali) che si alternano a quelle pulite di Andrew, anche chitarrista del trio dell’Ontario. E cosi una dopo l’altra, le song si avvicendano come la (poca) luce al Polo Nord d’inverno: qualche schitarrata furiosa di derivazione death (la luce) che si alterna con i tanti momenti di quiete (le parti acustiche o altri frangenti decisamente più cadenzati) che costituiscono il nostro buio; esempio lampante di questa mia descrizione potrebbe essere “The Demons Therein”. Le song poi più o meno si assomigliano tutte, magari variando solo in termini di lunghezza (dai quattro ai nove minuti), prendendo come punto di riferimento il black doom primordiale dei Katatonia. Katatonia si, che peraltro vengono addirittura coverizzati, anche discretamente bene, col brano “Murder”, confermando alla fine la bontà (ma ancora un po’ acerbo) del combo canadese. Un invito è quello di continuare a seguire gli As Autumn Calls, perché mostrano delle buone potenzialità in prospettiva. Tiepido esordio, ora attendo la bomba!