Crionics - N.O.I.R. (Nation Of Illusive Resemblance)

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1279 articoli.

(Icaros Records, 2010)

Voto: 70

Uscito inizialmente in sordina per la MSR Productions, la Icaros Records ha voluto riproporre questa interessante release di una delle band storiche del panorama metal polacco, i Crionics, qui con una nuova veste grafica. La band, dedita ad un black death, esiste ormai dal 1997 e dopo 15 anni e molteplici cambi di line-up, rilascia questo “N.O.I.R.”. Si tratta di un EP che oltre a comprendere tre nuove songs del quintetto di Cracovia che mostrano il nuovo percorso stilistico intrapreso dai nostri, include anche una cover degli Immortal, l’eterna “Blashyrkh (Mighty Ravendark”, una dei Ramstein, “Moskau”, a cui si aggiungono le tracce del demo del 1998 (tra cui “I Am the Black Wizards” degli Emperor), insomma di tutto di più, per leccarsi i baffi. E devo dire che rimango piacevolmente stupito dal trittico iniziale di nuove song, “NarcotiQue”, la seconda “Scapegoat” e “Perdition”, tre brani che viaggiando sui binari a cavallo di un potentissimo black misto ad un cyber death, talvolta pomposo nelle sue aperture orchestrali, che trae ispirazione dagli ultimi citati gods norvegesi, gli Emperor ma anche dai The Kovenant, per esaltare i propri fan e pure quelli dell’ultima ora, come il sottoscritto. Le chitarre sono graffianti, le vocals gracchianti di Quazarre (vocalist anche nei Devilish Impressions e negli Asgaard) si avvicendano con delle voci pulite stile Arcturus, che tentano addirittura di percorrere la strada tracciata dagli striduli vocalizzi di King Diamond. Il risultato è sicuramente molto positivo e non posso ancora una volta che compiacermi, che il black sinfonico continui a dare i suoi frutti, anche se qui risulta mischiato con dei magnifici suoni cibernetici. Poi c’è “Blashyrkh”, proposta in una veste più potente e non posso che approvare e lasciarmi trascinare dal feeling malvagio di cui è permeata questa unica song, con Quazarre in grande spolvero. Impressionante anche la riproposizione della song dei Ramstein, in cui il vocalist, Peter dei Vader, mostra tutta la sua bravura e il suo spiccato eclettismo (in questa song compare anche Vogg dei Decapitated all’accordion). Quando passo alle tre tracce del 1998, faccio evidentemente un bel tuffo nel passato, ed ecco trovarmi di fronte un black piuttosto primitivo, il cui sound mostra la sua evidente matrice sinfonica di scuola norvegese, con un riffing leggerino ma ricco di cambi di tempo, una batteria indemoniata, delle spettrali tastiere e le canoniche screaming vocals. Il sound dei Crionics si riconduce comunque agli autori dell’ultima traccia, gli Emperor, la cui cover è ben suonata, anche se tra le tre cover, è quella che mi ha convinto di meno. Diciamo che se il nuovo album vedrà seguire gli stilemi delle prime tre canzoni, ne sentiremo davvero delle belle. Per il resto, provate ad avvicinarvi alla band polacca, dare un ascolto alla nuova proposta e se vi piace, non far altro che attendere con trepidante attesa, l’uscita del nuovo album. Ah dimenticavo: il cd comprende anche un “The Making of N.O.I.R.” e il video di “Scapegoat”, filmato durante il “Beware of Your Neck 2010 Tour”. Insomma ce n’è per tutti i gusti, basta solo dargli una chance…