PHOENIX MOURNING - When Excuses Become Antiques

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1288 articoli.
(Metal Blade Records, 2006)
 
voto: 65
 
#PER CHI ASCOLTA: Metalcore, Still Remains, Trivium
 
Ne iniziavo sinceramente a sentire la mancanza: erano un paio di mesi che non mi trovavo a recensire metalcore ed eccomi accontentato con l’ennesima uscita in questo ambito della Metal Blade, che oramai è diventata specialista in questo genere. Chi mi conosce e si aspetta l’ennesima stroncatura in quest’ambito dovrà ricredersi perchè a me i Phoenix Mourning non dispiacciono. Non inventano nulla di nuovo per carità, però ho come la sensazione che ciò che suonano sia fatto col cuore. La band statunitense, qui prodotta da Tom Morris (Iced Earth, Obituary), ci spara 13 tracce di un certo metalcore moderno che sconfina nell’emo, fatto di riff metal su quali s’innestano graffianti voci death e pop clean vocals, accompagnati da fughe in territori hardcore e da ruffiane melodie emo. I limiti di questo genere è che forse dopo pochi ascolti si esaurisce il desiderio di rimettere il cd nello stereo o che molte volte non si riesca ad arrivare alla fine del disco perchè le canzoni finiscono per assomigliarsi un po’ tutte. Ad ogni modo, per chi ama questo genere di sonorità, l’ascolto è come minimo consigliato, tanto per avere qualcosa di nuovo da fischiettare sotto la doccia...

# MASSIMA ALLERTA: difficile segnalare un brano piuttosto di un altro...

# COLPO DI SONNO: verso la fine, la noia prende il sopravvento...