Dream Circus - Land of Make Believe

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: uglymerly

Questo utente ha pubblicato 45 articoli.

Dream Circus Land of Make Believe(Digital Media Records, 2012)

Voto 60

#PER CHI AMA: Grunge/Alternative, Soundgarden, Alice in Chains

 

Sapete che per me alcuni lavori hanno la capacità di funzionare come una macchina del tempo. Quando li ascolto puff! ritorno nel passato. Questo “Land of Make Believe” mi ha riportato a un periodo dell’adolescenza: gli anni ’90 del grunge, con la camicia flanellata aperta sulla maglietta, t-shirt a maniche corte sopra quella a maniche lunghe, i jeans dai colori obbligatoriamente molto tristi e quell’aria vagamente seriosa ed introspettiva. Ho ricordi combattuti del periodo, così come lo sono le sensazioni dopo l’ascolto dell’album. I Dream Circus devono aver assunto dosi da dinosauro di musica proveniente da Seattle. Di quelle sonorità, di quelle più ruvide, questo CD è chiaramente figlio. Anche troppo. Sì insomma, quegli anni lì sono passati e riproporre pari pari quegli stilemi, mi lascia perplesso. Le tracce non sono male, anzi. Sono dirette, secche e tutte eseguite più che degnamente. Hanno una certa varietà, ma siamo nella scaletta classica di un platter grunge. Alla fine dell’ascolto, però, non sono stato del tutto malcontento. I ragazzi ci sanno tutti fare; la prova del cantante, in particolare, si stacca nettamente da tutto il resto. La sua voce si presta benissimo al genere ed è la parte che richiama di più le loro influenze. Come dite? Volete sapere le mie preferite? Certo, allora “Pulp Fiction” mi sembra la più convincente, si stacca un po’ (un pelino, eh, non esageriamo) dalle altre. Un filo troppo telefonata, ma non malvagia, è “Crown”: caspita qui però si sente troppo il debito verso gruppi come i Soundgarden o Alice in Chains. La meno riuscita è “Poison”, maledettamente scarica. Un disco piacevole, il cui limite è la mancanza totale di un qualsiasi elemento innovativo o particolarmente indicativo della loro personalità. Questo riduce moltissimo la bellezza dell’album e mi lascia con quella sensazione di poco convinto di cui dicevo all’inizio.

https://soundcloud.com/dream-circus/make-believe