Frozen Ocean – Trollvinter

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Bob Stoner

Questo utente ha pubblicato 243 articoli.

frozen ocean Trollvinter(Autoprodotto, 2013)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Soundtrack, Ambient, Burzum, Raison D'etre, Elend 

 

I Frozen Ocean, one man band russa che abbiamo recensito qualche mese fa, ci stupiscono con una colonna sonora interessante ispirata all'opera, in lingua svedese per bambini, “Moominland Midwinter” di Tove Jansson, scrittrice, illustratrice e pittrice finlandese di origine svedese, i cui lavori sono stati tradotti in 38 lingue diverse in tutto il mondo. Vaarwel, ovvero l'artefice di questo cd nonché unica mente dietro i Frozen Ocean, con questa lunga colonna sonora straccia tutto quello che fin qui ci aveva fatto sentire e quindi niente più chitarre zanzarose o ritmi veloci e ossessivi, niente screaming, niente black metal ma una infinita carrellata di suoni, rumori e umori in grigio che guardano all'infinito inverno di cui la storia ispiratrice parla. In questo lavoro dalla difficile collocazione artistica, il nostro mastermind moscovita ha potuto sbizzarrirsi con un'infinità di generi adiacenti al krautrock dei 70's, alla drone music, all'ebm, all' ambient elettronica in generale. Tutto suona con andamento soffice e narrativo, proprio come se ci immergessimo a fondo nel testo, come se stessimo vivendo all'interno della fiaba e come tale, rivivere gli stati d'animo contemplati nel libro. Tutto porta il fondale grigio come lo stupendo fiabesco artwork di copertina curato da Al.Ex (mayhem project), tutto è posizionato a dovere, sia che in esame si prenda la lunga traccia numero cinque fatta di drone tastieristico esasperato e monotono, sia che alla sbarra si prenda la successiva traccia sei, dove il sound cristallino e la venatura claustrofobica/horror portano subito alla mente le grandi colonne sonore dei film di Dario Argento. Vi sono poi esplorazioni nel campo dell'elettronica EBM/synth pop con buoni risultati, magari non innovativi, ma che qui introdotti con moderazione e misura riescono a rendere bene l'idea. In fine altri collegamenti sparsi tra tutti i brani li troviamo con i primi Tuxedomoon, Raison d'Etre, Elend e l'immancabile Burzum nella veste dark ambient. Certamente “Trollvinter” è un lavoro lungo (quarantadue minuti) e impegnativo da affrontare, dai mille risvolti introspettivi, una favola in noir narrata egregiamente con visionaria astrazione ed eterea oscurità, la colonna sonora di una fiaba per adulti abituati ad interagire con la parte nascosta della propria anima.

http://frozen-ocean.net/