CONTINUO RENACER - Continuo Renacer

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1269 articoli.

Continuo Renacer(Indar Productions/Masterpiece, 2005)

voto: 65

# PER CHI ASCOLTA: Prog/Techno Death, Gordian Knot, Aghora, Pestilence

 

Ecco arrivare dalla penisola Iberica i Continuo Renacer, band a me totalmente sconosciuta, ma in attività già dal 1994, quando il trio spagnolo proponeva un sound influenzato da act quali Cryptopsy, Death e Suffocation. L’anno 2000 ha segnato il punto di svolta per il gruppo, con il delinearsi di una line-up stabile, priva di un cantante, e la virata del proprio stile musicale verso un genere più tecnico e progressivo fuso con il jazz, volto a dare alla band un sound più fresco e innovativo. Sicuramente i tre musicisti baschi dimostrano un più che discreto bagaglio tecnico, magnifico è infatti il basso slappato in alcuni passaggi a ricordarmi le performance di Steve di Giorgio nei Death; forti sono i richiami ai Cynic e alle varie creature nate dalle costole di questi ultimi, Gordian Knot e Aghora. L’unica pecca di quest’album omonimo, potrebbe sicuramente essere rappresentata dalla scelta di non avere un cantante a spezzare il ritmo, talvolta fin troppo arzigogolato dei brani, dove spesso le sperimentazioni scadono in esercizi di tecnica fini a se stessi. Interessanti indubbiamente sono i passaggi jazz e prog-rock, che si fondono alla perfezione con un genere assai ostico come può essere questo, fatto di pezzi troppo pretenziosi e complicati e con continui cambi di tempo volti a disorientare l’ignaro ascoltatore; tuttavia non abbastanza sufficienti da impreziosire ulteriormente questo album di debutto che comunque, si assesta su una sufficienza piena. Da rivedere sicuramente la possibilità di assoldare un cantante in formazione...

# MASSIMA ALLERTA: la melodica “The Unknow Man”

# COLPO DI SONNO: la troppo intricata “The Chaos Theory...”