Carinou - Bound

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: GodTech

Questo utente ha pubblicato 89 articoli.

Carinou Bound(Code 666, 2004)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Electro Rock

 

Un "terrorista" come Fredrik Söderlund nei panni del musicista pop-rock? Non ci volevo credere! Mentre leggevo la biografia di Carinou non riuscivo proprio a figurarmi il famigerato mastermind di Puissance e Parnassus alle prese con un genere di musica così distante dai territori insani dell'industrial o del black metal. Lo ammetto, sulle prime qualche perplessità stava prendendo il sopravvento, ma già al primo ascolto "Bound" ha saputo fugare ogni mio dubbio, confermandomi che persino gli artisti più estremi sanno cavarsela con melodie ruffiane e motivetti dall'appiglio facile. Ma andiamo con ordine. Carinou è un progetto che, oltre a Söderlund, vede coinvolta la cantante Sofie Svenson e la compositrice di musica elettronica Maggie Elfving, già nota nell'ambiente pop svedese per i suoi lavori di produzione e per una recente collaborazione con i The Ark alle backing vocals del loro album. Non c'è che dire, un collettivo stravagante e che "funziona" nonostante i differenti background artistici dei tre. La diffidenza covata inizialmente verso il progetto lascia il posto allo stupore quando i primi ritornelli di "Bound" entrano in testa e a destare tanta meraviglia non è certo la stranezza della proposta musicale, ma una sensazione di immediata sintonia con le contrastanti frequenze umorali di cui l'album è pervaso. Passione, odio, rancore, apatia... queste le emozioni che in "Bound" trovano asilo, alimentandosi tra le insanabili conflittualità del nostro inconscio e consumandone lentamente gli istinti vitali, come se una sottile linea di inquietudine scivolasse invisibilmente attraverso ogni brano. Se però rifletto sul termine "negative metal" coniato dalla Code666, è solo e unicamente sull'aggettivo che mi posso trovare d'accordo, perchè Carinou ha davvero poco in comune con il metal e assomiglia piuttosto ad una versione vitaminizzata dei Placebo, con tanto di melodie vellutate, chitarre energiche e arrangiamenti elettronici di ottima fattura. A questo punto tutto sembrerebbe perfetto se non fosse per la prova vocale "impostata" di Fredrik, talvolta insopportabile nel suo tentativo di fare il verso a Brian Molko. A parte questo, un album da ascoltare, anche solo per curiosità.