Any Face - The Cult of Sickness

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Bob Stoner

Questo utente ha pubblicato 240 articoli.

Any Face the cult of sickness(Buil2Kill Records, 2010)

Voto: 80

#PER CHI AMA: Brutal Techno Death, Origin, Atheist

 

Uscito nel 2010 per la Buil2Kill Records, questo è il sesto album degli emiliani Any Face. Lo stile musicale è quello claustrofobico del death metal old school americano con molte influenze del tecnicismo e sferzate stilistiche di casa Origin e Atheist. Nel primo brano “Suicide Surge”, in più occasioni degli stacchi improvvisi portano la band a sperimentazioni su ritmiche dal sapore tropicale in acido che lasciano ben sperare gli amanti dell'innovazione: In “Stabbing the Core” si riparte dal death più efferrato e, guidati dalla voce di Yuri Bianchi, che sembra un “Barney” (aka Napalm Death) a rallentatore, si arriva alla terza traccia, un massacro ben studiato. Nella quarta traccia, dopo soli 33 secondi, ci si imbatte in una costruzione ritmica figlia dei migliori Voivod sperimentali, per poi ripartire gutturali più che mai. La preparazione tecnica è buona e in alcune parti ci si trova in bilico con il grind. Nella cover “Happy Tantrum” tratta dall'album “The Musical Dimension of Sleastak” del 1993 della band O.L.D., il nostro bravissimo e cadaverico Yuri, duetta con Alan Dubin, originale cantante della band “coverizzata”. Il brano che segue è standardizzato, una lobotomia continua e soffocante. “The Unspoken Son” mostra delle chitarre velocissime e cariche di tecnicismo, in puro stile Atheist o Massacre con un bell'assolo centrale lungo, “strano” e carico di atmosfera delirante, che sfocia in un rallentamento abissale, seguito da una ripresa molto riuscita. “Portrait of a Nihilist” chiude il disco e parte con una spinta non comune, la voce growl è sempre più padrona e tutto fila al meglio disseminando violenza qua e la. Quest'ultima traccia racchiude un po' tutto il sound degli Any Face con passaggi “particolari” e trasversali, una chitarra “cosmica” e stacchi dediti ad un certo progressive metal e un finale che lascia sfumare il tutto su di una ritmica che abbraccia il modo di interpretare il metal dei Flotsam and Jetsam. Alla fine ci troviamo di fronte ad un lavoro ben fatto e per palati fini, carico di buoni spunti e padroneggiato da un'ottima monotona voce “cavernicola” che fa la differenza... suonato molto bene e a tratti molto coraggioso, come negli stacchi del primo brano (il mio preferito!). Per Any Face si presenta un roseo futuro se continueranno a suonare e ad evolversi su questi territori. Se riuscite a immaginare l'esatta concentrazione di Atheist mescolata a Massacre e spruzzatine di Napalm (Death ovviamente) questo è un altro disco da non perdere! Bravi e coraggiosi!