Curse - Void Above, Abyss Below

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Bob Stoner

Questo utente ha pubblicato 240 articoli.

Curse Void Above Abyss Below(Schwarzdorn Production, 2011)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Black Old School, Venom, Bulldozer, Darkthrone

 

Questa band norvegese (ma di origini islandesi) vanta una presenza di lunga data nei circuiti del black sotterraneo, dal 1995 ad ora hanno pubblicato un demo tape un mcd e tre full lenght. Ultimo, questo "Void Above, Abyss Below", uscito per Schwarzdorn Production nel 2011. Diciamo subito che la band è formata da due musicisti E. Thorberg alla chitarra, basso, voci e da D. Theobald alla batteria; si definiscono raw old school black metal e anche se lo volessimo, non potremmo smentire questa affermazione. Il fatto è che il lavoro è molto coerente con lo stile richiesto ma parallelamente sia per la qualità della registrazione sia per la fantasia della band, questo cd si eleva dalla massa. La cosa che si nota al primo ascolto è un background musicale radicato nel metal oscuro più classico e ovviamente una dedizione per il suono ruvido e arido di casa Venom, Bulldozer, Celtic Frost, Taake, anche se i nostri sfornano delle chicche tipo "Hour of the Skull" (delizioso l'assolo di chitarra!!!) che definire questo brano una pregiatissima gemma nera, sarebbe riduttivo. La band è sempre sul filo del rasoio con ritmi intensi ma mai estremizzati, sempre ben calcolati, le chitarre sono usate con fantasia e usano suoni cari al genere ma molto ricercati, voce intensa monotona e drammaticamente avvincente, ogni brano è completo e il lavoro notevole di chitarra, assoli compresi, è da premiare per melodia e intelligenza. Certo, il duo non rinuncia alla sua attitudine underground e la musica espressa andrebbe d'accordo con gli ultimi difensori Darkthrone; non è da tutti una costanza simile dopo tanti anni e se aggiungiamo la professionalità e la qualità di questo lavoro, l'intero album conquista la promozione al primo turno. Non pensiate di trovarvi di fronte ad una band che suona all'antica, i Curse creano canzoni nuove con gusto old school, tanta passione e voglia di far sopravvivere ed evolvere il genere. In questo album troverete echi di black'n'roll, un velo di thrash, classic metal e tanto black metal, suoni ruvidi e sotterranei e un'appagante maturità musicale. Non sarà musica innovativa ma qui l'effetto devastante del Black metal con la B maiuscola si fa sentire nella sua forma migliore. Ne vale l'ascolto, un ottimo lavoro!