Černá - Restoring Life

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Bob Stoner

Questo utente ha pubblicato 240 articoli.

Cerna Restoring Life(Domestic Genocide Records, 2013)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Post Black Strumentale, Alcest

 

Cody McCoy è il musicista che si nasconde dietro questo astratto disegno sonoro che risponde al nome Cernà. Questo primo full lenght dal titolo "Restoring Life", pone subito le sue coordinate nelle sonorità post rock bagnate dalle atmosfere oscure e sognanti del post black stile Alcest. Usufruendo di un background radicato nella psichedelia/noise rock moderna, l'artista americano per tutto l'album abusa di chiaroscuri e dirompenti cascate soniche, sferraglianti distorsioni in odor di shoegaze e ritmi cari al black metal più intenso e melodico. Completamente strumentale, vicino alle costruzioni dissonanti di A Storm of Light e Pelican, ragionato come un concept album dalle atmosfere dilatate e allucinate, sfocia a volte in intime destrutturazioni d'ambiente molto tipiche per il genere e cariche di suggestioni cinematografiche. Tanta è la presenza del tocco di provenienza indie/noise/alternative che anche l'incedere più black risulta sempre poco insinuoso, cosa che alla fine risulterà vincente, lasciando grande spazio ad uno sviluppo sonoro pieno di rumorosa introspezione. Effettivamente se di metal dobbiamo parlare possiamo solo accostarci agli ultimi Alcest e forse ai Fen ma senza la dovuta oscurità. Qui tutto ruota sulle tortuose scale del lisergico suono dei Red Sparowes e degli ultimi Deftones immaginati senza il cantato. Un album dalle buonissime prospettive, curato e omogeneo, forse un tantino troppo statico nell'evoluzione dei brani ma molto coinvolgente e mai troppo pesante, mantenendo sempre una buona dose di malinconica energia. Certamente particolare e intenso, non per tutti ma molto intrigante. Da ascoltare nelle notti insonni.