Cobolt 60 - The Grim Defiance

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Bob Stoner

Questo utente ha pubblicato 240 articoli.

Cobolt 60 The Grim Defiance(Demonhood Productions, 2012)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Black/Death Old School, primi Celtic Frost, Vreid, Aura Noir

 

Dieci anni di attesa per il seguito di "Meat Hook Ballet" realizzato nel 2002 per questo duo norvegese dal nome Cobolt 60 e dopo questa lunga pausa di riflessione, la band riappare con una potenza invariata, una nuova linfa vitale, un affiatamento invidiabile e una forma splendida. Il seguito porta il titolo "The Grim Defiance" ed è stato licenziato nel 2012 dalla Demonhood Productions, carico di otto brani tutti costruiti su coordinate black/thrash/death metal, proprio come piace alla band. Il suono è ben concepito, studiato e navigato, si nota subito una massiccia dose d'esperienza e conoscenza dietro alle note di questo album. Secco, compatto, veloce e violento, un drumming da crepapelle, maligno come il black metal, devastante come il miglior thrash e preciso come il death vecchia maniera, non si può voler di più da una commistione simile di generi estremi. Tutti i brani sono al meglio, forse non spiccano per originalità ma nell'insieme sono notevoli, l'intero album scivola via che è un piacere tra ricordi vari dei mitici "To Mega Therion"/"Into the Pandemonium" dei Celtic Frost, Vreid, Gorgoroth e ritagli di Aura Noir con tanta moderna qualità di registrazione che rende il tutto esageratamente appetibile, lasciando una buona dose di appagamento nell'ascoltatore. Un tocco di moderno stile metal alla Evile e una oscurità di scuola God Seed chiudono la nostra carrellata per descrivere un album decisamente ben fatto e sudato fino all'ultima nota. Potremmo ribadire che in totale questo lavoro potrebbe anche risultare non del tutto farina del proprio sacco, ma di band come i Cobalt 60 ne vorremmo vederne di più, con la stessa carica e la stessa buia ostilità, unite ad un gusto per la precisione e una maniacale dedizione per la resa sonora da far impallidire bands molto più famose. Non un album per tutti i giorni ma un album per giorni speciali, solo quelli che prevedono tanta, tanta nera rabbia! Una band radioattiva!!!