Popoff del 1° aprile del 1974 dedicato ai Traffic

Postato in Blog

Scritto da: Athos_Enrile

Questo utente ha pubblicato 2502 articoli.
 
Popoff del 1° aprile del 1974
Condotto da Carlo Massarini
Jim Capaldi in studio
 
Una puntata storica e completa di Popoff. I Traffic, il gruppo che meglio di ogni altro era arrivato alla sintesi tra blues, jazz, rock e la libera creatività che avrebbe generato il progressive, sono in Italia per un tour che li vedrà in concerto il 2 aprile a Roma, il 3 a Napoli, il 4 a Udine, il 5 a Torino.
La sera precedente, l'uno di aprile, Carlo Massarini dedica la serata di Popoff completamente al gruppo inglese, e lo raggiunge in trasmissione alle 22:00 proprio il co-leader del gruppo, Jim Capaldi.
 
Dopo gli album storici i Traffic hanno pubblicato l'anno prima Shoot Out At The Fantasy Factory e stanno incidendo il convincente When The Eagle Flies, venato di jazz e funky, che uscirà un paio di mesi dopo. Il tour, come dice Capaldi in trasmissione, serve anche per mettere a punto il nuovo album. Le altre domande, punteggiate dalle canzoni classiche del gruppo, sono sulla nuova formazione, sull'effetto dell'ascolto dei "classici" (di pochi anni prima, in realtà) e sullo spirito del mondo del '74, che Capaldi, dal suo punto di osservazione itinerante vede profeticamente orientato all'uniformità indifferenziata invece che all'uguaglianza. Il concerto annunciato per il giorno dopo in realtà rimarrà famoso purtroppo, più che per l'offerta musicale dei Traffic, che sarebbe stata sicuramente di grande qualità, per gli scontri violenti che l'avrebbero interrotto tra gli slogan degli autonomi "La musica si sente il concerto non si paga", mettendo temporaneamente la parola fine ai grandi concerti rock in Italia.
 
 
Scaletta: Dear Mr. Fantasy, Feelin' Allright, No Time To Live, Glad, Freedom Rider, Empty Pages (Capaldi si lascia sfuggire un ahhh...), John Barleycorn, Eve (dall'album solista di Capaldi Oh How We Danced del '72, un brano dedicato alla figlia del musicista), Forty Thousand Headmen)