Atlantis - Omens

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1268 articoli.

Atlantis Omens(Burning World Records, 2013)

Voto: 75

#PER CHI AMA: Post Rock, Isis, Cult of Luna

 

A volte mi chiedo come mai tante fantastiche band straniere passino totalmente inosservate nel nostro paese. Non credo sia una carenza di interesse da parte dei fan italiani, quanto piuttosto una sorta di isolamento culturale/musicale in cui viviamo, che ci costringe semmai a godere di quelle schifezze che passano le radio locali. Io che di natura sono invece assai curioso, compio ormai quotidianamente una ricerca mirata a trovare l'album perfetto; oggi mi sono imbattuto in questi Atlantis, ome man band dei Paesi Bassi. Le coordinate stilistiche sulle quali si muove Gilson Heitinga, sono quelle del post rock strumentale, sporcato di infuenze più metalliche, ma sorprendentemente anche elettroniche. E cosi il bel digipack che ho fra le mani (peccato non abbia solo dei colori più vivaci nella cover) offre sei splendidi esempi di musica emozionale, pregna di malinconia (e le linee chitarristiche e di tromba, in "Raptor", ne sono testimoni) e portatrice di nubi cariche di pioggia. Perfetto direi, per questo periodo storico in cui il sole l'avremo visto si e no in un qualche servizio turistico alla tv. Comunque per 4 dei 6 brani contenuti in 'Omens', preparatevi ad affrontare lunghe cavalcate in cui, a forse fin troppo ridondanti giri di chitarra (vera pecca dell'album), si sovrappongono intermezzi ambient e appunto elettronici. I chitarroni melodici di "And She Drops the 7th Veil" sono belli pieni, in stile Isis, mentre le atmosfere rarefatte e a tratti psichedeliche che si materializzano qua e là, mostrano un che dei Cult of Luna. I momenti migliori rimangono quelli delle fughe nell'elettronica, che conferiscono al lavoro del mastermind olandese, quel pizzico di originalità che li distingue dalla massa. Se poi nella stessa song fa la comparsa anche la voce di Sanne Mus, non posso che gridare al miracolo, io che tanto mal digerisco i lavori completamente deprivati delle vocals. Una vena drone compare nella breve "The Path Into", mentre l'inizio ipnotico basso/batteria di "Widowmaker" mi carica come una molla, eccitando le mie cellule neuronali con suoni lugubri, maledetti e impreziositi da campionamenti vocali di fanciulle impaurite. Con la conclusiva e doomish "Omen" ci lanciamo a tutta velocità in un tunnel con le orecchie che rischiano quasi di scoppiare, ma non c'è da temere perchè chitarre, drumming e i sensuali vocalizzi di Sanne, ristabiliranno ben presto l'ordine delle cose. Intrisi di emozione.