When Icarus Falls - Circles

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1279 articoli.

When Icarus Falls Circles(Autoprodotto, 2014)

Voto: 80

#PER CHI AMA: Post Metal, Cult of Luna

 

Quando nel 2012 uscì il debut album degli svizzeri When Icarus Falls gridai al miracolo. Ora, mi sono procurato il nuovo EP, intitolato semplicemente 'Circles', e di fronte mi ritrovo una band ormai navigata, dotata di classe, intelligenza e idee da vendere. Peccato solo che il dischetto consti di quattro tracce, che comunque mi allietano per quasi mezz'ora di musica (che con il repeat in automobile devo ammettere di aver già consumato). La proposta dei nostri non si discosta poi molto da quanto fatto in precedenza, un post metal esaltante, dalle tinte notturne. “Erechtheion” attacca e mi lascio travolgere dall'intrigante flusso emotivo del quartetto di Losanna e da quel muro sonoro innalzato dal riffing inquieto e tribale dei nostri, accompagnato dai consueti e strazianti vocalizzi di Diego Mediano. Tuttavia, è con "The Great North" che i brividi mi avvinghiano pelle e anima, perchè il suo atmosferico chorus si rivela penetrante e dirompente al tempo stesso, creando un instabile clima che si dipana tra tensione e piacere in un palpitante gioco di luci e ombre. Emotivamente provato, mi metto all'ascolto di "Celestial Bodies", che almeno nel suo incipit si propone di essere celestiale cosi come confermato dal titolo. La song parte delicatamente con le urla sofferte di Diego in sottofondo, sorrette da un semplice quanto mai intrigante giro di chitarra/basso. Poi l'irruenza dei When Icarus Falls si palesa timidamente, ma sono piuttosto le atmosfere post rock ad emergere, su cui questa volta Diego si presenta in versione clean, ma ben presto il sound (e i vocalizzi) sfoceranno nuovamente in una feroce fuga rabbiosa. A chiudere l'EP ci pensa una bonus track, "Nyx", song esplosiva, pregna di malinconie che solo nelle più desolate linee di chitarra dei Cult of Luna ho ritrovato e che non fa che sancire la mia assoluta adorazione (e ammirazione) nei confronti di questi ragazzi. Fenomenali.