Giza - Future Ruins

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: maudrup

Questo utente ha pubblicato 119 articoli.
Giza Future Ruins(Autoprodotto, 2012)
 
Voto: 75
 
#PER CHI AMA: Instrumental Post-metal, Sludge, Isis
 
 
 
Da quanto tempo non vi capitava di premere repeat per quattro volte di seguito per un brano di un disco nuovo? Personalmente da un bel po’. E mi è capitato adesso, con “Hour of the Bullfight”, traccia numero 4 di questo lavoro di debutto dei Giza: un riff che cresce e monta piano, fino ad esplodere fragoroso e irresistibile come il lavoro indemoniato della batteria, e poi una seconda parte meditabonda, con colpi lenti che sembrano i magli di una fonderia. Il biglietto da visita con cui si presenta questo trio di Seattle è di quelli importanti, molto importanti: pur essendo un'autoproduzione, questo loro esordio è stato infatti registrato nei leggendari Litho Studio (per intenderci quelli in cui sono stati registrati i dischi di Alice in Chains, Soundgarden, Pearl Jam, tra gli altri) da Matt Bayles, già produttore di gente come Mastodon, Isis, Cursive, Russian Circles, tanto per far qualche altro nome. E in effetti il suono di questo disco è di quelli che ti fanno vibrare dentro. I tre sono autori di un post/sludge strumentale potentissimo e piuttosto apocalittico (la copertina parla chiaro, del resto), giocato su una profondità sonora e compositiva davvero invidiabile, in grado di mostrare nuove sfumature ad ogni ascolto. Apocalittici, si diceva, e apocalittico è l’attacco di "Séance", lenta e maestosa marcia di distruzione, portata da una chitarra devastante, un basso lirico e impressionanti gragnuole di colpi della batteria. Se non siete annichiliti dopo dieci minuti così, ci sono ancora da affrontare l’ondivaga “Wake & Drag”, con il basso ancora una volta a fungere da strumento solista, la rutilante “Roaming Hordes” e la conclusiva “Great Leader”, che contribuisce non poco a ridefinire il concetto di potenza, così come lo conoscevano gli altoparlanti del mio stereo. L’unico appunto che si può muovere ai Giza è quello di non essere proprio originalissimi (dopotutto Isis e Pelican sono in giro da un po’), ma in loro si intravede il marchio dei fuoriclasse. Se lo siano davvero, ce lo dirà il tempo.