Dementia Senex - Heartworm

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1279 articoli.
 
dementia senex heartworm(Drown Within Records, 2013
 
Voto: 65

#PER CHI AMA: Death/Djent/Postcore 

 

 
I cesenati Dementia Senex debuttano con un EP di tre pezzi, con l'intenzione di mostrare di che pasta sono fatti. Speriamo che questo sia l'antipasto di quanto bolle in pentola, che si preannuncia essere alquanto prelibato, ma per il momento non ancora cotto a puntino. Il five-piece romagnolo ci offre un concentrato abrasivo di sonorità di matrice death metal, pesantemente influenzato dall'ultima ondata post (hardcore e metal). La gavetta fatta a supporto di bands come Mouth of the Architect, Ulcerate o Fleshgod Apocalypse, darà sicuramente i suoi frutti in un immediato futuro. Ma passiamo all'analisi dell'EP. "Unscented Walls" è una song che inizia e scivola via piano prima di carburare, sciorinando un riffing schizoide, vocals al vetriolo e un martellante drumming. Ahimè il potenziale esplosivo della band rimane tuttavia inespresso e lascia con la voglia di ingurgitare qualcos'altro di più sostanzioso per saziare il proprio appetito. E dire che in termini di preparazione tecnica non vedo alcun problema, musicalmente i nostri sono ineccepibili, ma sembra sempre che il colpo rimanga strozzato in canna. Non basta, seppur apprezzabile, un breve break semi acustico o delle leggere interferenze industrial, per conciliarmi appieno con la proposta dell'ensemble italico; in un genere ormai estremamente competitivo come il post, bisogna osare e stupire e i nostri non ci riescono ancora al 100%. La opening track rimane quindi e ahimè, un'incompiuta, speriamo nelle successive. "Kairos" è un breve pezzo di due minuti in mezzo, decisamente più votato a quel death metal, da cui i nostri erano partiti: un sound mai troppo feroce ma ricco di cambi di tempo, di scuola Death. Un inizio acustico apre la conclusiva title track, che si rivela essere la song più variegata delle tre, dove le sonorità alternative/nu metal della struttura armonica, si miscelano con un funambolico attacco all'arma bianca, mentre le vocals si alternano tra un growling ulceroso e un "neo" cantato pulito. Le ritmiche poi rientrano nei binari di un death venato di djent, mostrandosi serrate e puntuali, e completando il quadro corroborante di un lavoro che palesa ancora alcuni difettucci in termini di songwriting, di cui sono certo, la band sarà in grado di raddrizzare, ma confermando anche le enormi risorse che l'act di Cesena può vantare. Ovviamente, anche la durata complessiva di 'Heartworm' (17 minuti) non giova, rendendo più complicata un'analisi approfondita della proposta dei nostri. Dalle band italiane si pretende sempre il massimo e io dai Dementia Senex mi aspetto molto di più.