Buio in Gola - Dopo l'Apnea

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Bob Stoner

Questo utente ha pubblicato 240 articoli.
Buio in Gola Dopo l Apnea(Autoprodotto, 2013)
 
Voto: 75

#PER CHI AMA: Black/Hardcore, Altar of Plagues, Disrupt

 

 

Questa giovane band formatasi tra le città di Pisa, La Spezia e Viareggio ci offre l'ascolto del loro primo album autoprodotto, stracarico di buone idee e passione. Una passione che trova sfogo in un sound dallo stile marcatamente black metal, influenzato dalle correnti dark più oltranziste degli anni ottanta con innesti sonori sporadici di crust punk e un'attitudine tra il dark rock e il death rock molto accentuata. Cantano in lingua madre ma difficilmente si intuiscono le parole; il suono è vicino ai connazionali Movimento d'Avanguardia Ermetico, con cui condividono una sorte di efficacissima, oscura vena romantica, cosparsa di atmosfere dal retrogusto crust di scuola Disrupt e con atmosfere vicine a Madre del Vizio o Carillon del Dolore e questo non sfigura affatto, creando un ponte con un passato dark 80's italico di tutto rispetto. Non fraintendiamoci, il trio suona violento e pesante come una sorta di Altar of Plagues dal suono più cavernoso e spigoloso, con un cantato ostico e basilare, immerso in una sorta di litania hardcore in putrefazione, alternato ad un parlato tipico della scuola dark italiana (stupenda e senza tempo la conclusiva "Oceano") con frequenti escursioni nel funeral metal più morbido. Le cinque tracce fruiscono sciolte e il mix tra dark ambient e black metal, tra rumore e atmosfere depressive funziona alla grande, dando una intensa luce spettrale all'intero lavoro, accentuando un'appartenenza voluta nell'underground di tutto rispetto. L'essenza del suono rumoroso proveniente dall'oltretomba, sta tutta nell'urgenza creativa e nella drammaticità, nel suo provenire dagli scantinati dell'angoscia con cui sono state scritte queste cinque tracce che colpiscono per intensità e oscurità. Una forma d'arte estrema che premia questa coraggiosa band, capace di una scelta sonora così radicale. Un sound che può maturare ancora e dare tante soddisfazioni, ottimo debutto.