Coraxo - Starlit Flames

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1269 articoli.
Coraxo Starlit Flame(Autoprodotto, 2014)
 
Voto: 70

#PER CHI AMA: Cyber Death, ...And Oceans, The Kovenant

 

 

Chi di voi si ricorda gli ...And Oceans, mitica band finlandese (ora Havoc Unit) che a fine anni '90 coniugava con eleganza il death metal con l'elettronica? Ebbene, io ho amato i loro quattro album e mi è dispiaciuto quando si sono sciolti, soprattutto perché la loro reincarnazione non si è rivelata poi all'altezza. Per sopperire alla mia "perdita", giunge in mio soccorso un'altra band dalla Finlandia, tali Coraxo. Il duo di Tampere, formatosi pochi mesi fa (settembre 2013), sforna questo EP di 5 pezzi più intro e bonus track, nell'ottica di completare una trilogia di lavori quanto prima. Il mini cd in questione, farà la gioia di chi ama il death metal contaminato da elementi cibernetici che si ispirano al sci-fi e ai film horror degli anni '50-70. Ottimo per il sottoscritto che non può far altro che godere quando 'Starlit Flame' irrompe, con le sue scariche cyber death, nelle mie casse. Intro spaziale e poi ecco che i nostri si mettono in contatto con gli umani dalla loro navicella e con "Signal Detected" invadono il pianeta Terra col loro electro death melodico che inequivocabilmente richiama i The Kovenant (che fine hanno fatto a proposito quelli?). La vicinanza con l'act norvegese è parecchio evidente nelle linee di chitarra e synth, cosi pure nelle linee vocali. Niente male davvero, soprattutto perché di Nagash (o Lex Icon, come preferite) se ne sono perse le tracce da quasi 10 anni e allora ben vengano i Coraxo con la loro proposta futuristica. Synth a manetta aprono "The Xenotaph", con una ritmica che pare presa in prestito dai Cemetary 1213. Notevoli per quanto il sound dei nostri possa apparire ai più derivativo. Suoni industrial si mischiano con il roboante e violento (quasi black) riffing dell'ensemble finnico in "The Big Fight Scene" con le vocals di Tomi Toivonen, dotate di una timbrica velenosa, perfette per questo genere musicale. "Transformed" apre che sembra quasi un videogame anni '80 per poi perdersi in vocals evocative; finalmente la song parte per offrirci però solo due miseri minuti di sonorità mid-tempo che mi impressionano solo per un growling profondo e un'effettistica che tanto era cara ai già citati ...And Oceans. Sette sono invece i minuti affidati alla psichedelica "Escape?" che chiude il dischetto con un sound che mischia sonorità estreme piuttosto lineari con viaggi progressive e vocals che si alternano tra il growling e il pulito. Il cd non finisce però qui, visto che l'epilogo vero e proprio è affidato a una cover dei Sepultura, "Refuse/Resist", riletta ovviamente in chiave tribal cibernetica, per un esperimento finale riuscito solamente a metà, in quanto a mio avviso non si tratta di una song che si presta appieno a questa genere di rilettura. Un plauso però per l'arduo tentativo. A quando ora il nuovo EP? Attendo fiducioso.