Whales and Aurora - Whales and Aurora EP

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1279 articoli.

Whales and Aurora EP(Red Sound Records, 2014)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Post Metal, Cult of Luna

 

 

Dopo aver ascoltato questo EP di due pezzi dei vicentini Whales and Aurora, vecchia conoscenza del Pozzo dei Dannati, l'unica cosa che mi viene da chiedermi è come sia possibile una tiratura limitata a 66,6 copie. Mi è andata di culo se fra le mani non mi sono ritrovato un cd storpio, privo di un pezzo; mah, tutta colpa del marketing. Certo, fossero i nostri una band black satanista ci poteva anche stare questa trovata, ma trattandosi di sludge/post metal, e, essendo il contenuto assai interessante, ci si poteva spingere anche a 100 copie. Ma si sa che in tempi di magra ci si deve accontentare, e in questo caso ancor di più, visti i soli due brani che compongono questo EP omonimo. Faccio allora partire "Haunted by Coyotes", song dall'incedere ossessivo, colpa di una sorta di loop doomish contrappuntato da sonorità southern che cresce pian piano in modo vorticoso per esplodere finalmente al minuto 3:30 (un po' troppo tardi considerata la sua durata di poco più di 5 minuti). La proposta del combo veneto torna a solcare i mari del post metal cosi come fatto nella precedente release, seguendo un po' le dinamiche di act quali Cult of Luna o Isis. Solite vocals al vetriolo completano il finale tempestoso. Un altro incipit ipnotico ci introduce "Albatros", song di quasi nove minuti che si dispiega tra oniriche sonorità post rock, che sembrano delineare il nuovo percorso musicale per il 5-piece italico: raffinate atmosfere si alternano ad ambientazioni soffuse, delicate e progressive in cui è soprattutto la componente malinconica, affrescata dalle linee melodiche delle sue chitarre, a rimanere impressa nella mia testa. Dopo una lunga interminabile intro, i nostri riprendono con il loro sound che sembra aver perso parte della primordiale ruvidità a favore di sonorità più psichedeliche, quasi shoegaze. Non ci sono ancora vocals ruffiane in stile Alcest sia chiaro, però la musica dei Whales and Aurora si mostra più accessibile che in passato. L'EP termina qui, al minuto 14:09 e mi rendo conto che l'antipasto è si succulento, ma anche assai scarsino. Auspico pertanto l'uscita quanto prima del nuovo full length e altre due chiacchiere in compagnia dei nostri, nello studio del Pozzo dei Dannati.